A Bisceglie la cultura senza storia?

5 Ottobre 2017 0 Di ladiretta1993
«Sono dell’idea che a Bisceglie si facciano troppe cose nostalgiche», ha affermato il dott. Di Terlizzi, nuovo responsabile della cultura a Bisceglie.

Non sono d’accordo con questa affermazione. Ben venga l’innovazione, la novità culturale, l’evento  che arrivi (anche) a coinvolgere i giovani, ormai lontani da questi temi e manifestazioni. Ma guai a dimenticare passato e storia. Sarebbe come se la città di Roma puntasse al rilancio culturale della città, mandando in pensione il Colosseo, o come se Pisa mettesse in soffitta la sua “magica” Torre pendente.

Mi auguro  di aver mal interpretato le dichiarazioni di Pietro Di Terlizzi. E che, se così fosse, seguisse un comunicato di spiegazioni a tali affermazioni. Nel mentre, resto innamorato della mia Quercia secolare, del mio Dolmen e delle Grotte di Santa Croce, del Castello e della Torre Maestra. E continuo a tifare per la Banda di Bisceglie. Di tutti questi biglietti da visita che andrebbero “ristampati”, per farli girare per il mondo.

MAURIZIO RANA