Ne Sinnéche galandóme (di Nicola Ambrosino)

6 Ottobre 2017 0 Di ladiretta1993

Ne Sinnéche galandóme
(Don Umberto Paternostro: un Sindaco galantuomo)

Il ritratto di un grande Sindaco che, ancora oggi, viene stimato e ricordato da tutti i biscegliesi. Le sue opere hanno lasciato tangibili segni nello sviluppo urbanistico, culturale, economico e turistico, della nostra bella Bisceglie.

 

Mèndre sciàie, cóme tutte quènde,
a trevò la mèmma mè, o Capesènde;
nan zacce cóme fó, ma chèra déie,
me ‘ngandibbe ‘mbacce a na fotografé.

Senza fióre, stòve ne gendélizzie,
de ne crestiéine, chè me mené a gedizzie…
e na fròse, dò lescibbe, ben curiosa:
“Don Umberto Paternostro…qui riposa!”.

Ère ìdde? U Sinnéche chiù bròve?
Cure che da n’ìnde repesòve?
Cure che avè fatte addevendò
Vescègghie na bellissima Cettò?

Méndre u arrecherdòve, dò ‘ngandòte,
da na méine, me sendìbbe atteccuòte;
me vlétibbe e cóme a na saétte…
u védibbe eleghènde, ‘n-doppio pétte.

“Non aver paura!” – disse in itagliéine,
facce frònde a me, stu gran crestiéine;
“Son io, o mio poeta, stanne certo…
colui che hai di fronte…è Don Umberto!”.

U Sinnéche, che chiù grènne na ne stònne?
Cure che l’à dòte u vóte sémbre u nònne?
Cure che apré la stròde abbasce a méire,
che ditte mille fatéghe ‘nda le candéire?

Che acchiéve, che l’améce, ògne dé
che Zé Monéche, ìnde alla varvaré?
U améce de Lióne e Ciccille De Lidde?
Addò ve scìvve a fò varve e capidde?

“Rammenti cose esatte, amico mio…
Quel Sindaco di cui parli…sono io;
con tali ed altri buoni amici illustri
Bisceglie governammo per due lustri!”.

“Eran tempi duri e in carestia,
nasceva, allora, la Democrazia;
poderi abbandonati e zappaterra…
piangevan la miseria d’una guerra!”.

Io, insieme a questi buoni amici miei,
amministrammo fino al cinquantasei;
e grandi opere lasciai per tal fucina…
in sorte alla mia cara cittadina!”.

“Fu costruita, per mie capacità…
la strada di Via della Libertà;
un corso principale fu pure aperto,
col nome che s’appella Corso Umberto”.

“La via d’ogni campagna fu bitumata
dalle maestranze, assunte alla giornata;
ed ogni zappataure ògne maténe…
nan sfasciòve re róte du traiéne!”.

“Facimme scòve ìnde a céinde pizze;
metténne in móte tòtta l’edilizzie;
l’arue se chiandoréne ìnde alla ville,
ne rióne nèsce a Levènde: la Cettadélle!”.

“Cu mercòte de verdìure e d’ortofrutte,
se sbiò l’esportazióne d’ògne frutte;
e lo stèsse pe le pisce e pe l’aléce,
dimme còse popolòre a tènde améce!

Ma de tòtte la fatèghe che sò fatte…
nan è apprefettòte màie, séinde a fratte;
e ce avanzòve ne sólde pe na féste…
le dòve a le provéidde… e tutte u réste!”.

“Ògne politéce se tènge alla faréne,
se fòce còse e ville…e le quattréne;
e ié che sò u chiù onéste, sò convìnde…
che mè tengìute appène de ne quìnde!”.

Decénne tal paróle, all’arie apèrte…
me sparescé, dannènze, Don Umbèrte…
ié le decibbe “Grazzie” e “Buon Ripose”,
lassènne o gendélizzie…na bbèlla rose!

GLOSSARIO DIALETTALE
Mèndre sciàie = Mentre mi recavo, andavo
O Capesènde = Al Cimitero, Camposanto
Me ‘ngandibbe ‘mbacce = M’incantai di fronte
Gendélizzie = Gentilizio, cappella
Chè me mené a gedizzie = Che mi venne in mente
Da na méine, me sendìbbe atteccuòte = Da una mano mi sentii toccato
Me vlétibbe = Mi girai
Che Zé Monéche, ìnde alla varvaré? = Il salone da barba di “Zio Monaco”; il ritrovo dove si era soliti trovare Don Umberto. L’appellativo di “Zé Móneche, perché i barbieri sapevano tutto, essendo i confessori dei propri clienti. Il salone era ubicato in Via M.R. Imbriani, dove attualmente è presente un orologiaio, nei pressi del quadrivio della Villa Comunale, accanto al Bar Palazzuolo.
Lióne = Commendator Leone, il segretario particolare di Don Pasquale Uva, fondatore della Casa “Divina Provvidenza”.
Ciccille De Lidde = Dottor Francesco Di Liddo, fraterno amico di Don Umberto. Sono stati insieme i primi pionieri della “Democrazia Cristiana” a Bisceglie. Il dr. F. Di Liddo è stato, altresì, il Direttore dell’Istituto Tumori, del Policlinico di Bari e medico esperto di malattie veneree. Fondatore dell’Avis di Bisceglie. Anche lui uomo probo ed onesto, come Don Umberto.
Amministrammo fino al cinquantasei = Il sindacato di Paternostro è durato dal ’46 al ’56. Il più lungo e il più fattivo nella storia cittadina. (Fonte: “Bisceglie nella storia e nell’arte”, di M. Cosmai).
Via della Libertà = La strada che traccerà l’assetto dello sviluppo turistico, di Bisceglie; permettendo di raggiungere, agevolmente, le belle spiagge di Salsello, della Testa e del “Teatro Mediterraneo”.
Corso Umberto = Corso Umberto I°; la strada che congiunge la zona del quartiere “Cittadella” con la “Piazza del Pesce”.
Dimme còse popolòre a tènde améce = Furono costruiti alloggi popolari, per pescatori e gente in stato d’indigenza.
Nan è apprefettòte màie = Non ne ho mai fatto mio profitto personale

NICOLA AMBROSINO