Combattere la distrofia, al via nuova Campagna Parent Project

 La battaglia contro la distrofia muscolare di Duchenne e Becker, patologia genetica rara che colpisce un neonato maschio ogni 3500 nati, è una sfida che continua: grazie agli sviluppi della ricerca, negli ultimi 20 anni la comunità di pazienti ha visto mutare considerevolmente lo scenario della patologia, con un prolungarsi dell’aspettativa di vita. È fondamentale, allo stesso tempo, perfezionare sempre più gli strumenti della gestione clinica, per garantire ai bambini e giovani che convivono con la malattia la migliore qualità di vita possibile.

Parent Project onlus, l’associazione di genitori di bambini e ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne e Becker, lancia la nuova Campagna Sostenitori 2017 “Combattere la distrofia: una magia che puoi fare anche tu!”, che andrà a sostenere un progetto di teleconsulenza legato alla gestione respiratoria nei pazienti con distrofia muscolare di Duchenne, coordinato dal Prof. Fabrizio Racca presso l’Azienda Ospedaliera Ss. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria.

Questa iniziativa intende migliorare la gestione dei pazienti Duchenne e Becker in ventilazione domiciliare dall’età evolutiva. Anche se tutti i muscoli vengono colpiti dalla distrofia, il danno più grave è dovuto alla degenerazione di muscoli vitali dell’organismo, soprattutto i muscoli respiratori, che si indeboliscono progressivamente fino a rendere necessaria l’assistenza respiratoria. Gli obiettivi del progetto sono quelli di migliorare la qualità di vita dei pazienti e dei loro familiari, limitando il numero dei ricoveri in ospedale, di ridurre il numero e la severità delle riacutizzazioni respiratorie ed il numero degli effetti collaterali legati alla ventilazione domiciliare, e di sensibilizzare i familiari sull’importanza della prevenzione. Il progetto prevede l’effettuazione di pochi e semplici esami, in accordo con il Percorso Assistenziale Multidisciplinare per i pazienti affetti da Distrofia Muscolare Progressiva Xp21 – tipo Duchenne (DMD) redatto dall’associazione Italiana di Miologia nell’ambito della Consulta Ministeriale sulle malattie Neuromuscolari. Tali esami, effettuati a livello locale in collaborazione con le sedi locali di Parent Project, verranno trasmessi al Centro di Ascolto Duchenne presso l’Ospedale Pediatrico di Alessandria, dove un’équipe di esperti provvederà all’interpretazione del dato, eventualmente integrata da un’intervista telefonica. I dati raccolti saranno acquisiti dall’Ospedale ed inseriti nel Registro Pazienti Italia. I destinatari sono tutti i bambini, giovani e adulti affetti dalla patologia presenti sul territorio nazionale ed in contatto con le sedi territoriali dell’associazione.

Le modalità per dare il proprio sostegno a Parent Project sono reperibili sul sito http://www.parentproject.it nell’apposita sezione Dona!.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Il Comune di Bisceglie stanzia un contributo di 3500 euro in favore di una “Missione per conto di Dio”

La Diretta aveva ripreso nella giornata di ieri un post/comunicato del sindaco Angelantonio Angarano che elogiava l’iniziativa “I Bike Brothers – La nostra missione per conto di Dio”. Si tratta di una maratona ciclistica che ha unito le città di Cuneo e Bisceglie, partita in Piemonte lo scorso 11 giugno e conclusasi proprio ieri al […]

Vaccini: Lopalco, in Puglia possibile rifiutare eterologa

La Puglia recepirà subito la nuova circolare del ministero della Salute che permette agli under 60 che hanno ottenuto la prima dose Astrazeneca di chiedere il richiamo sempre con Az anziché Pfizer o Moderna. Lo dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco. Quindi in Puglia sarà possibile rifiutare la vaccinazione eterologa: “Per gli […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: