Due Novembre 2117 (di Pasquale Consiglio)

Tra cent’anni o poco più

tutti noi oggi viventi

non saremo più quaggiù

ma nel regno dei dormienti

Da lassù noi rideremo

degli umani sulla terra

che con dire ancor blasfemo

ogni dì  faran la guerra

inneggiando al Padreterno

o al suo pari grand’Allah

manderanno nell’inferno

lor nemici in quantità

Se potessimo tornare

sulla terra un solo istante

solo il tempo di spiegare

che l’odiare è da ignorante

Non vogliamo il 2 novembre

il ricordo dei defunti

visti solo come ombre

da pregar tutti compunti

ma una presa di coscienza

collettiva e generale

ch’è gran segno di demenza

far soffrire o stare male

Perciò umani date ascolto

a chi morte ha dato vita

Lui non è per te sepolto

ma una voce che ti invita

a goderti ogni momento

senza lotte e senza affanni

Ne trarrai gran giovamento

per i prossimi cent’anni!

Pasquale Consiglio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Racconti di memoria: via Ottavio Tupputi, presentato il libro di Vincenzo Cortese

A Bisceglie c’è una strada che ha fatto la storia, una via in cui non mancano palazzi dalla bella architettura con affreschi dipinti da grandi artisti che, non di rado, riportano anche gli stemmi dei casati di famiglia. Residenze tenute molto bene “e ancora oggi gli abitanti e gli esercenti dei locali sono molti attenti […]

Premio Strega, Rai media partner della 75esima edizione

È il più importante premio letterario italiano, e per la prima volta, al “compleanno” numero 75, la Rai lo affiancherà nel ruolo di media partner, dedicando allo “Strega” una serie di iniziative editoriali speciali, oltre alle due dirette, quella di oggi 10 giugno per la selezione della cinquina dei finalisti – condotta da Gigi Marzullo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: