Due Novembre 2117 (di Pasquale Consiglio)

Tra cent’anni o poco più

tutti noi oggi viventi

non saremo più quaggiù

ma nel regno dei dormienti

Da lassù noi rideremo

degli umani sulla terra

che con dire ancor blasfemo

ogni dì  faran la guerra

inneggiando al Padreterno

o al suo pari grand’Allah

manderanno nell’inferno

lor nemici in quantità

Se potessimo tornare

sulla terra un solo istante

solo il tempo di spiegare

che l’odiare è da ignorante

Non vogliamo il 2 novembre

il ricordo dei defunti

visti solo come ombre

da pregar tutti compunti

ma una presa di coscienza

collettiva e generale

ch’è gran segno di demenza

far soffrire o stare male

Perciò umani date ascolto

a chi morte ha dato vita

Lui non è per te sepolto

ma una voce che ti invita

a goderti ogni momento

senza lotte e senza affanni

Ne trarrai gran giovamento

per i prossimi cent’anni!

Pasquale Consiglio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

“Giorno della Memoria”, ha raggiunto il suo scopo?

Il 27 gennaio è il “giorno della memoria”, una ‘data di monito da non dimenticare’ come sentenziato dall’Onu, nel 2005, nell’invitare le Nazioni a ricordare l’orrore dello sterminio degli ebrei e degli oppositori al nazismo e alle leggi razziali. Fu il 27 gennaio 1045 che furono abbattuti i cancelli di Auschwitz portando all’attenzione del mondo […]

Giornata del dialetto, l’Associazione “Borgo Antico” promuove poesia in filodiffusione

Il prossimo 17 gennaio ricorrerà la nona edizione della “Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali”, istituita dall’Unione Nazionale delle Pro Loco per sensibilizzare alla tutela dell’immenso patrimonio linguistico e culturale rappresentato dal dialetto. La dodicesima edizione si svolgerà ovviamente in maniera diversa, dal momento che la pandemia ancora in atto non permetterà l’organizzazione delle manifestazioni […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: