Cdp, Telesforo: «Si vedono già i primi miglioramenti»

“Siamo entrati da poco più di un mese nella struttura “Don Uva”, ma la situazione è già completamente cambiata: si resspira aria nuova, un’aria di efficienza e organizzazione, di rinnovato entusiasmo. E siamo solo all’inizio…”. A sostenerlo è il responsabile AD di Universo Salute, Paolo Telesforo, durante l’incontro che è tenuto l’altro ieri presso il Circolo Unione.

Un lavoro, ammette l’AD, che cammina di pari passo con medici, amministrativi e dipendenti non solo di Bisceglie, ma anche di Foggia e Potenza. A dare manforte anche i professionisti incaricati, quelli esterni.

“Nel fare passi in avanti – ha detto – non trascureremo mai di guardare indietro, alle nostre origini, di ricordarci chi eravamo, chi siamo e chi dobbiamo essere, in quanto tutto è partito da Bisceglie, da un biscegliese come Don Pasquale Uva e dalle prime suore Ancelle della Divina Provvidenza, biscegliesi, come i primi malati accolti nell’istituenda Opera. Il nostro impegno sarà quello di restituire a questa città un’Opera Don Uva degna del suo Fondatore e della sua gente”.

 

Tra le autorità presenti all’incontro, il sindaco di Bisceglie, avv. Vittorio Fata, e il sen. Francesco Amoruso. Nel fare gli onori di casa, il Presidente del Circolo Unione, dott. Michele Schiavone.

“Ora il primo presupposto per garantire il futuro dell’azienda ai lavoratori – ha concluso Telesforo – è il raggiungimento del pareggio di bilancio nel più breve tempo possibile. Per farlo la Universo Salute – Opera Don Uva dev’essere una macchina perfetta, come un orologio svizzero, in cui ogni ingranaggio fa bene il suo lavoro”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Flashmob contro Genitore 1 e 2, Pro Vita & Famiglia: “Davanti al Viminale per difendere madre e padre”

“La forma non cambia la sostanza, perché ogni bambino nasce da una mamma e da un papà! Per questo domani, mercoledì 20 gennaio, alle ore 13.00, saremo davanti al ministero dell’Interno per difendere madre e padre dopo la reintroduzione dei termini genitore 1 e genitore 2 sulle carte d’identità dei minori di 14 anni” così Pro […]

«Mia moglie, un Oss precario, dal 31 gennaio senza lavoro. Un “eroe” che torna disoccupato»

Giunge in Redazione una lettera firmata, che denuncia l’imminente licenziamento degli OSS precari a causa della scadenza del contratto. A scriverci è il marito della signora Francesca: «Mia moglie è un OSS precario, è stata assunta all’Ospedale di Bisceglie per l’emergenza Covid. Lei, come tantissimi altri operatori. In questi giorni negli ambienti lavorativi circola voce […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: