Disastro ferroviario 2016, Forza Nuova: Il profitto non vale quanto una Vita. Noi chiediamo giustizia!

Pochi giorni fa la Procura di Trani ha disposto la chiusura delle indagini preliminari in riferimento al disastro ferroviario del 12 luglio 2016 sulla tratta Andria Corato che, ricordiamo, costò la vita 23 persone e cinquanta feriti.

Secondo le indagini emerge un doppio filo di responsabilità che denota a carico di alti dirigenti del Ministero dei Trasporti una mancanza di controllo sulla sicurezza delle tratte ferroviarie e dall’altra viene contestato a Ferrotramviaria di aver risparmiato quasi 700mila euro sui lavori di modifica degli impianti e aggiornamento dei sistemi operativi che, secondo la Procura, avrebbero potuto scongiurare la tragedia, ed ancora di aver nascosto una ventina di incidenti avvenuti tra il 2012 e il 2016.
Forza Nuova, rinnovando il proprio cordoglio per le vittime della strage, esprime viva preoccupazione per il trend tutto italico di noncuranza delle più elementari norme di sicurezza, e soprattutto per l’interesse a “fare cassa” e salvaguardare i profitti, a discapito della sicurezza degli utenti.

Per , Vito Nicola Bruno Cantacessi Coordinatore di Forza Nuova per il Sud Italia, e Mimmo Carlucci, Coordinatore Regionale per la Puglia, appare imprescindibile accertare le responsabilità di chi ha omesso di valutare i rischi sulla tratta Andria Corato e ha occultato episodi precedenti (chiari campanelli d’allarme ma totalmente inascoltato).
Per i due dirigenti forzanovisti “non si può giocare al risparmio a discapito della vita dei viaggiatori, e al contempo chiediamo come mai chi deve vigilare a livello nazionale sulla sicurezza delle tratte non abbia pedissequamente monitorato il rispetto delle norme di prevenzione e di adeguamento dei programmi e degli impianti”.

“Appare quanto mai assurdo che ignari viaggiatori abbiano viaggiato in assenza della necessaria sicurezza, e che siano stati addirittura nascosti altri incidenti, considerando che la tratta in questione collega l’hinterland barese al capoluogo pugliese, con dunque un notevole bacino di utenza e, dunque, dì potenziali vittime”.

Confidando nella professionalità della Procura di Trani, i due dirigenti forzanovisti annunciano come Forza Nuova Puglia seguirà l’evolversi del processo e, soprattutto, attuerà una azione di controllo e sensibilizzazione sui rischi ancora presenti sulle tratte incriminate.

 
Forza Nuova Puglia
 
Ufficio Stampa Forza Nuova Puglia e Basilicata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Covid: 169 nuovi casi in Puglia, 2 i decessi

Sono 169 i nuovi casi di Covid registrati in Puglia, a fronte di 8053 test per l’infezione effettuati. I casi sono così suddivisi: 60 in provincia di Bari, 24 di Brindisi, 32 nella Bat, 17 in provincia di Foggia, 7 di Lecce, 28 di Taranto, 1 caso di residente fuori regione. Sono stati registrati 2 […]

A Terni da Bisceglie da uno a tre Kg marijuana a settimana: guai per un uomo e due donne

Avrebbero smerciato sul mercato ternano da uno a tre chili di marijuana a settimana, tutta proveniente dalla Puglia e ritenuta di ottima qualità, tre persone, un uomo e due donne, arrestate dai carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Terni nell’ambito dell’operazione “Sotto traccia”, scattata all’alba di oggi. Nello specifico, un’ordinanza di custodia cautelare […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: