Sacchetti alimenti a pagamento. Parla responsabile addetto vendite: i clienti hanno già trovato soluzioni

«I biscegliesi sono molto ingegnosi», esordisce Antonio P., responsabile del settore ortofrutticolo di un noto supermercato cittadino. «Qualcuno ha anche aggiunto che è solo una forma di protesta, fatto sta che molti clienti a partire da ieri mattina hanno iniziato ad etichettare frutta e verdura, un pezzo per volta, senza riporli nei sacchetti».

Dunque, a mali estremi, estremi rimedi.  Così, banane, mele, zucchine, mandarini e ogni sorta di alimento che si acquista ad reparto di ortofrutta evita che la cassiera possa aggiungere allo scontrino il costo del sacchetto biodegradabile che, come è noto, dal primo gennaio,  per effetto della legge 123/2017, è diventato a pagamento.

Secondo Assobioplastiche, che attraverso il proprio Osservatorio ha effettuato una prima ricognizione di mercato sui prezzi dei sacchetti nella grande distribuzione, in un anno le famiglie italiane spenderanno tra i 4,17 euro e i 12,51, considerando che il costo di ciascun sacchetto oscilla tra un minimo di 1 centesimo e un massimo di 3 centesimi.

E mentre Assobioplastiche assicura “il suo massimo impegno a monitorare il mercato affinché non si verifichino speculazioni sui prezzi o altre anomalie”, la nuova legge ha già suscitato la rabbia dei clienti, che per evitare di pagare il sacchetto, hanno iniziato a pesare individualmente verdura e frutta.

 

Tra i tanti indignati c’è infine chi la prende con ironia: “Ecco perché i francesi vanno in giro con la baguette sotto l’ascella“.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Ecco i tre volontari selezionati per il Servizio Civile in Pro Loco

Sono state pubblicate le graduatorie definitive, suddivise regione per regione, del progetto “Le Pro Loco per la promozione del patrimonio culturale e la valorizzazione sostenibile dei territori”.   Il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, trascorsi trenta giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria provvisoria, ha stilato l’elenco definitivo dei giovani […]

Campagna vaccinazioni. On. Galantino (FdI): approvato ordine del giorno a mia firma per incremento dosi da inviare alle Regioni

“La campagna vaccinale è strettamente legata alla ripartenza del nostro Paese ma dobbiamo considerare anche ciò che sta accadendo nella sanità: penso ai 30mila morti in più non attribuibili al Covid, i numeri dei ricoveri del 2020 che ci fanno notare un decremento di un milione di ricoveri rispetto al 2019, infarti triplicati, un milione […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: