Don Pancrazio Cucuzziello era un soldato svizzero?

Don Pancrazio Cucuziello, la maschera popolare biscegliese, divenuta celebre nel 700 con le sue performance buffonesche nei maggiori teatri del sud Italia, sarebbe in realta’ la rappresentazione di un vecchio soldato di ventura svizzero, intento ad indossare la sua divisa, in occasione di una celebrazione evocativa.

La notizia e’ apparsa sul Gazzettino Svizzero, quotidiano di informazione elvetico.

Il dott. Samuel Hahnemann, eminente studioso di storia militare presso l’ Universita’ di Zurigo, ha pubblicato I risultati condotti da un equipe di esperti di storia locale.

“ E’ inequivocabile” afferma il dott. Hahnemann “ I colori della giubba sono quelli del glorioso corpo d’armata mercenario elvetico” ed aggiunge:  «I caratteri di avarizia ed ignoranza che sono stati attribuiti erroneamente al personaggio di Don Pancrazio, sono in realta’ la deformazione di qualita’ quali la parsimonia e il nazionalismo che contraddistinguono il popolo svizzero».

Ci si chiede come si e’ giunti a tale conclusione?

L’ ipotesi piu’ plausibile e’ che durante le guerre che sconvolsero l’ Europa nella prima meta’ del 600, il povero soldato, si sia smarrito a Bisceglie ed adottato dalla sua comunita’, sia divenuto il simbolo dell’ appartenenza svizzera.

Grande soddisfazione e’ stata espressa dal dottor Hahnemann che ha asserito:

“Don Pancrazio e’ uno di noi”.

 

Antonella Salerno

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Il Comune di Bisceglie stanzia un contributo di 3500 euro in favore di una “Missione per conto di Dio”

La Diretta aveva ripreso nella giornata di ieri un post/comunicato del sindaco Angelantonio Angarano che elogiava l’iniziativa “I Bike Brothers – La nostra missione per conto di Dio”. Si tratta di una maratona ciclistica che ha unito le città di Cuneo e Bisceglie, partita in Piemonte lo scorso 11 giugno e conclusasi proprio ieri al […]

Vaccini: Lopalco, in Puglia possibile rifiutare eterologa

La Puglia recepirà subito la nuova circolare del ministero della Salute che permette agli under 60 che hanno ottenuto la prima dose Astrazeneca di chiedere il richiamo sempre con Az anziché Pfizer o Moderna. Lo dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco. Quindi in Puglia sarà possibile rifiutare la vaccinazione eterologa: “Per gli […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: