Matrimoni in Comune, anche a Villa Torre Rossa un ufficio di stato civile

Forse non tutti sanno che il Comune di Bisceglie dispone di alcune sedi separate dell’ufficio dello stato civile, ovvero il settore competente a tenere i registri dello stato civile (cittadinanza, nascita, matrimonio, morte).

Oltre alla sede istituzionale di via prof. Mauro Terlizzi, sono diventate di recente sedi distaccate dell’ufficio di stato civile Casale San Nicola, Masseria San Felice.e Villa Ciardi, dove l’Amministrazione comunale -secondo le relative delibere- “ha inteso offrire alle future coppie l’opportunità di celebrare il proprio matrimonio civile”.

A questi tre luoghi, considerate dimore storiche del territorio, si è aggiunta con apposita delibera di Giunta, Villa Torre Rossa in via Mauro Dell’Olio, affacciata sulla litoranea biscegliese.

Con la struttura privata è stato stipulato apposito contratto di comodato d’uso per la concessione temporanea e gratuita di un locale, per l’istituzione di un separato ufficio di stato civile con la sola funzione di celebrazione dei matrimoni civili e costituzione di unioni civili.

A carico degli sposi che optino per la celebrazione del matrimonio e dell’unione civile in Villa Torre Rossa così come negli altri immobili precedentemente individuati, vi sarà l’onere di corrispondere alla struttura ospitante, a titolo di rimborso spese per servizi di allestimento, pulizia, servizio ospiti e altri corrispettivi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Orto Schinosa, associazione oratoriani all’Amministrazione: destinato a coltivare ortaggi? C’era un altro progetto…

Qualche tempo fa era corsa voce  che per  l’Orto Schinosa esistesse un progetto che lo destinava a luogo dove coltivare ortaggi. Se la voce rispondesse al vero, sarebbe proprio il caso di dire che  la montagna ha partorito il topolino o, nella fattispecie, qualche chilogrammo di ortaggi. Dunque,  un luogo storico di Bisceglie che rappresenta […]

Soldani (Ordine Commercialisti): «Proroga scadenze fiscali al 10 dicembre inutile e dannosa»

I commercialisti italiani non ci stanno. E tengono altissima l’attenzione su un problema attuale che rischia di trascinarsi per anni trasformandosi in lunghissimi contenziosi con l’amministrazione centrale. Invece, basterebbe un pizzico di lungimiranza e di visione strategica per venire incontro alle esigenze di una categoria professionale che da sempre è cerniera di congiunzione tra cittadini, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: