Altra iniziativa di Pro Natura: Operazione Pantano pulito

30 sacchi stracolmi di rifiuti, dei quali 14 con plastica e latte e alluminio, 1 con il vetro e 15 con materiale indifferenziato (principalmente retine, corde, polistirolo e gomma), pari a oltre 1 tonnellata di immondizia: è questo il risultato della pulizia della Cala Pantano. L’iniziativa è stata realizzata grazie all’impegno dei volontari di Pro Natura e dei cittadini, con la collaborazione del gestore del servizio raccolta rifiuti Ambiente 2.0, che ha provveduto a fornire il materiale tecnico per raccogliere la spazzatura e a fornire i mezzi per il loro conferimento in discarica.

Abbiamo avuto la netta sensazione dello stato di abbandono al suo destino di Cala Pantano, che necessita di una profonda bonifica. Tra i rifiuti abbiamo rinvenuto 1 boa di segnalazione, 4 pneumatici, 1 vasca da bagno, 1 lavandino rotto, mobili fracassati, carcasse di televisori, centinaia di retine utilizzate per la pesca, quasi un migliaio di bottiglie in PET, tubature, numerose scarpe e capi di abbigliamento, nonché 4 sacchi di materiale derivante dalla ristrutturazione di immobili. Sul porticciolo della cala sono ancora ammassate carcasse di barche, materiale plastico, tronchi, rami.

Non va meglio nel resto della Zona Pantano Ripalta, dove sono disperse centinaia di buste di immondizia ai margini delle strade, mentre qua e la fanno capolino manufatti abusivi. Sulla base di una ricognizione effettuata lungo la costa SUD, riteniamo che ci siano da raccogliere almeno altre 20 tonnellate di rifiuti sulla sola battigia, tra i quali amianto e altri rifiuti ingombranti pericolosi.

Nella stessa mattinata, inoltre, abbiamo effettuato un sopralluogo in Via Penta Palomba con il Direttore dell’Esecuzione del Contratto (DEC) per la gestione dei rifiuti ing. Giuseppe d’Alessandro, affinché si possa procedere alla rimozione dell’amianto e dei rifiuti pericolosi abbandonati.

Di qui l’appello alle autorità competenti affinché siano effettuate pulizie straordinarie delle aree pubbliche e siano intensificati i controlli da parte delle forze dell’ordine. In questo contesto difficile riteniamo che qualsiasi altro intervento sulla Zona Pantano Ripalta possa seriamente distruggere gli habitat naturali, se non verrà messa immediatamente in atto una valida tutela giuridica: siamo convinti che non ci possa essere valorizzazione senza garanzie di preservare i luoghi e l’ecosistema.

Ringraziamo infine l’On. Davide Galantino, Peppo Ruggieri e i generosi volontari che hanno effettuato con noi la pulizia della Cala, nonché i candidati alla carica di sindaco Enzo Amendolagine, Angelantonio Angarano e Vittorio Fata che hanno sostenuto l’iniziativa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Mezza Italia ‘gialla’: c’è anche la Puglia. Allarme delle Regioni: ora c’è il rischio di una nuova fuga dal Nord

Mezza Italia torna gialla ma non è ancora il momento di abbassare la guardia e allentare le misure restrittive perché un errore oggi porterebbe ad una terza ondata a gennaio: “serve ancora qualche altro sacrificio” ribadisce il ministro della Salute Roberto Speranza incalzato dalle Regioni che continuano a chiedere al governo di rivedere le scelte […]

Acquedotto Pugliese, Bisceglie tra i 21 Comuni interessati dai lavori di risanamento della rete

Sono ventuno i Comuni pugliesi interessati dal grande piano Risanamento Reti 3 di Acquedotto Pugliese: tra questi vi è anche la città di Bisceglie. L’inizio dei lavori, cui costo totale sarà di circa 80milioni di euro, è previsto fine dicembre. Obiettivo è quello di sostituire complessivi 155 km di tubazioni idriche entro fine 2022. Sono […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: