“Illuminazione non adeguata” nonostante i 91.000 euro spesi. Ore di attesa per il ricorso del Bisceglie Calcio

Nell’attesa del ricorso presentato al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni, va fatta chiarezza sui motivi del mancato ripescaggio del Bisceglie calcio in serie C.

Il comunicato diramato dallo stesso Collegio riporta testualmente quanto segue (da tenere d’occhio in particolare la parte evidenziata in grassetto):

ricorso presentato dalla A.S. Bisceglie s.r.l. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), nonché contro la Lega Italiana Calcio Professionistico (Lega Pro), per l’impugnazione della delibera del Consiglio Federale FIGC, pubblicata sul C.U. n. 16/A del 12 luglio 2019, con la quale è stata respinta la domanda di riammissione del suddetto sodalizio al Campionato di Serie C per la s.s. 2019/2020 – per non avere “soddisfatto, nel termine perentorio del 5 luglio 2019, il requisito infrastrutturale relativo all’impianto di illuminazione, indicato come criterio “A” di cui al punto 8) dell’allegato A), Titolo II del C.U. n. 101/A del 17 aprile 2019” – nonché per l’impugnazione di tutti gli atti presupposti, connessi e/o conseguenti al gravato provvedimento, con precipuo riguardo alla relazione della Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi dell’11 luglio 2019 ed alle certificazioni e comunicazioni della Lega Pro in essa richiamate, nonché ai CC.UU. FIGC n. 122/A del 21 maggio 2019, n. 146/A del 20 giugno 2019 e n. 101/A del 17 aprile 2019, come modificato dal C.U. n. 131/A del 24 maggio 2019, nelle parti in cui risultino in qualche modo lesivi dei diritti e degli interessi della ricorrente, in rapporto all’oggetto dell’odierno contendere.

La ricorrente A.S. Bisceglie chiede al Collegio di Garanzia di accertare e dichiarare l’illegittimità, l’erroneità e/o l’infondatezza della delibera del Consiglio Federale della FIGC, di cui al C.U. n. 16/A del 12 luglio u.s., e di tutti gli atti presupposti, connessi e/o conseguenti al gravato provvedimento e, per l’effetto, di annullare il provvedimento impugnato e di disporre l’immediata ed incondizionata riammissione della ricorrente medesima al Campionato di Serie C s.s. 2019/2020, anche in sovrannumero e/od a completamento dell’organico, previa concessione alla stessa della relativa Licenza Nazionale.

Cosa non ha funzionato allora? Perchè non si è riusciti a fare in tempo? Una risposta può darla il testo della determina in cui alla data del 2 luglio, tre giorni prima della scadenza per l’adeguamento dello stadio, si affidavano i relativi lavori. Il testo è piuttosto lungo ma è scritto in maniera discorsiva e per aiutare ad orientare il lettore sono state evidenziate alcune parti in grassetto:

a seguito della promozione della squadra locale del Bisceglie in serie C verificatasi nel campionato 2016/17 questo Comune, si attivava, prontamente per consentire la disputa dei campionati nello stadio G. Ventura di Bisceglie, con l’esecuzione dei lavori previsti nei criteri infrastrutturali fissati dalla Lega-pro per il successivo conseguimento dell’omologazione del campo sportivo;

L’adeguamento ai criteri fissati prevedeva un conseguimento graduale e per singole stagioni calcistiche da conseguirsi definitivamente nell’arco di un triennio.

La permanenza della squadra per la stagione calcistica 2018/2019 ha comportato l’esecuzione degli adeguamenti previsti per la seconda annualità di partecipazione ai campionati di serie C, mentre al termine del campionato dell’ultima stagione non si rendeva necessario procedere agli adeguamenti stabiliti dai criteri infrastrutturali di Lega-Pro in quanto la squadra è risultata retrocessa.

– Con PEC in data 27/06/2019 l’A.S. Bisceglie 1913 ha trasmesso i comunicati ufficiali e la delibera della Lega in data del 20 u.s. relativa ai “criteri di riammissione” evidenziando che trovandosi terza in graduatoria su 4 posti gli era possibile reintegrare l’organico di serie C per la stagione 2019/20.

– A seguito di ciò si sono susseguiti frenetici i contatti con il Comune di Bisceglie durante i quali i dirigenti dell’l’A.S. Bisceglie hanno ribadito la propria volontà a continuare il campionato nella serie C richiedendo nel contempo assicurazioni che l’A.C. conseguisse gli adeguamenti dello stadio G.Ventura per la terza annualità come previsto dai criteri infrastrutturali della Lega, entro e non oltre il 05/07/2019 termine ultimo e perentorio per la dimostrazione del possesso dei requisiti.

– Per quanto sopra, al fine di confermare lo stadio comunale G. Ventura per la disputa del campionato di Lega-Pro per il prossimo campionato di calcio 2019/2020, l’Amministrazione Comunale si è trovata a dover mettere in atto, improvvisamente, provvedimenti urgenti per l’adeguamento dello stadio G. Ventura alla normativa della Lega Pro per gli interventi previsti dalla Lega per il terzo anno di permanenza della squadra nella serie C.

– Nello specifico, la Commissione e Controllo Sportivo dell’Area Tecnico-Impiantistica della Lega Pro ha comunicato gli interventi necessari per il rispetto dei criteri infrastrutturali per la stagione 2019-20, tra cui risulta indispensabile, tra l’altro, modificare gli organi illuminanti montati sulle torri faro per raggiungere i valori di illuminamento medio di 800 lux.

– Con deliberazione di G.M. n. 187 del 27/06/2019, si apportavano le occorrenti variazioni al bilancio dell’Ente per reperire le somme necessarie alla sostenibilità degli interventi da mettere in atto allo stadio G. Ventura e con successiva delibera di G.M. n. 188 in pari data si apportavano le variazioni al PEG;

di fronte al perentorio atto di indirizzo politico amministrativo e all’imminente e sopraggiunta scadenza dei tempi tecnici, soggetti a verifica ad horas, così come stabiliti dalla Commissione e Controllo Sportivo dell’Area Tecnico-Impiantistica della Lega Pro, si è reso necessario procedere senza esitazione all’acquisizione della documentazione già in possesso e appena visionare l’ elenco degli operatori a disposizione che nei fatti, attesa la scadenza prevista in giornata, si sarebbero trovati nell’impossibilità a procedere a sopralluoghi, verifiche tecniche e presentazione elaborati e congrui preventivi;

pertanto, posto che, non essendoci materialmente il tempo per procedere ad interpellare ulteriori ditte, stante la necessità di procedere anche ai sopralluoghi e alla produzione del calcolo illuminotecnico a supporto della proposta di vendita, stante altresì. l’urgenza dell’affidamento che dovrà avvenire entro la data odierna per il rispetto dei tempi imposti dalla Lega-PRO e a salvaguardia della sicurezza pubblica per ritorsioni e/o azioni violente da parte della tifoseria in caso di mancata ammissione della squadra locale il RUP ha optato per disapplicare la normativa vigente procedendo all’affidamento diretto della fornitura anche in assenza dei cinque preventivi previsti per legge;

ribadito che, la necessità di ricorrere alla precitata procedura, è motivata come sopra accennato, da esigenze di tempi ad horas per l’omologazione del campo sportivo ai requisiti di Lega PRO e, pertanto, l’affidamento diretto è giustificato dall’estrema urgenza, risultante da eventi imprevedibili per le stazioni appaltanti, come quello verificatosi, non è compatibile con i termini imposti dalle procedure aperte, ristrette, o negoziate previa pubblicazione; a ciò si aggiunga che l’eventuale mancata iscrizione della squadra al campionato di Lega PRO genererebbe il malcontento della tifoseria che potrebbe sfociare in situazioni di grave criticità con ripercussioni sull’ordine pubblico della città.
Che per l’eccezionalità della situazione determinatasi occorre rifarsi e richiamare i principi generali previsti dall’ art. 30 del D.Lgs. 50/2016;

Considerato, altresì:
– Che, nella fattispecie, il ricorso a tale procedura è giustificato dalla necessità di garantire celerità dei tempi di affidamento;
– Che occorre provvedere con urgenza all’affidamento della fornitura stante la necessità di assicurare tempi brevi d’intervento visto che ogni possibile lungaggine potrebbe mettere in discussione l’iscrizione al campionato di Lega Pro con probabili ripercussioni anche sull’ordine pubblico;

Ritenuto:
– Che occorre perseguire obiettivi di efficacia ed efficienza nell’azione amministrativa, oltre che di semplificazione dei procedimenti amministrativi e che risulta necessario non appesantire le procedure in rapporto all’ importo della spesa;

Visto il preventivo per l’affidamento della fornitura di cui sopra dal quale si evince che: – l’importo della fornitura ammonta a € 83.160,00, oltre IVA agevolata al 10% per ristrutturazione;
– Il presente atto è immediatamente vincolante per l’affidatario mentre per il Comune di Bisceglie lo diviene dopo la superiore approvazione;
– L’affidamento è soggetto alla stipula di contratto in forma di pubblica-amministrativa ai sensi dell’art. 15 del Regolamento comunale per la disciplina dei contratti;

Letta l’allegata relazione del Servizio LL.PP. datata 02/07/2019 che forma parte integrante e sostanziale del presente provvedimento e che qui si intende letteralmente trascritta;

Ritenuto, pertanto, di approvare il preventivo per la fornitura di n. 132 proiettori mod. ATON -2000 VP RAL 7021 e di affidare la stessa alla ditta CARIBONI Group S.p.A. di Rovereto (TN) per l’importo netto di € 83.160,00 oltre IVA e dunque , per un importo complessivo di € 91.476,00.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Bisceglie Rugby, il campionato riparte con una trasferta

È tutto pronto in casa Bisceglie Rugby per la ripresa del campionato di Serie A. Dopo una lunga pausa durata più di un mese, la compagine gialloblù domenica 29 gennaio riprenderà il proprio cammino affrontando in trasferta l’All Reds Roma. Il percorso della formazione pugliese, attualmente quarta nel girone 3 composto da sei squadre, ha […]

Buone indicazioni per l’Iris dal torneo di Desio

Buone indicazioni in casa Ginnastica Ritmica Iris al termine del “Torneo Inizio Stagione” che ha avuto luogo lo scorso weekend al Pala Fitline di Desio. Nel variegato programma tecnico dell’evento, organizzato dalla San Giorgio 79 Desio, nella Categoria A Clara Digiorgio ha totalizzato un 27.150 al cerchio e 27.200 alle clavette, mentre alla palla è […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: