Don Uva, la ditta Pastore cessa il servizio di ristorazione il 29 febbraio?

Un incontro urgente finalizzato al proseguo del servizio di ristorazione ed alla salvaguardia dei livelli occupazionali
Lo chiedono alla Universo Salute Opera Don Uva di Bisceglie le segreterie di Filcams Cgil Bat e Fisascat Cisl Bari all’indomani della comunicazione inoltrata ai sindacati il 3 febbraio scorso dalla ditta Pastore per annunciare la “cessazione del servizio di ristorazione c/o le sedi di Bisceglie e Foggia dell’Ospedale Opera Don Uva”
L’azienda che si occupa della ristorazione all’interno della struttura, gestendo il servizio dall’aprile del 2016 e preparando all’incirca 650 pasti quotidiani, riferisce in una nota che “considerate le valutazioni economico/gestionali del servizio di ristorazione sin ora svolto c/o le sedi di Bisceglie e Foggia dell’ospedale Opera Don Uva ed al fine di evitare pregiudizi economici per l’eccessiva onerosità del contratto che scaturirebbe dal prosieguo del servizio” ha provveduto a inoltrare alla Universo Salute comunicazione di recesso
Il servizio cesserà il 29 febbraio 2020
“Non solo non comprendiamo le ragioni di tale decisioni e vorremmo capire cosa stia accadendo ma abbiamo la necessità di incontrare con urgenza i vertici della Universo Salute per conoscere come si intenda affrontare una situazione simile e come la si intenda gestire visto che in ballo ci sono non solo i servizi erogati all’utenza, come quello appunto della ristorazione, ma anche le sorti di un centinaio di lavoratori addetti alla somministrazione dei pasti
Naturalmente il nostro auspicio è che si ricomponga lo scenario e la Pastore torni sulla decisione presa ma se ciò non dovesse accadere abbiamo bisogno di capire cosa la Universo Salute abbia in animo di fare per scongiurare quello che starebbe per accadere tra 20 giorni, fine del servizio e licenziamento collettivo del personale
Della vicenda è stata già interessata la Prefettura che auspichiamo intervenga nel più breve tempo possibile”, spiega la segretaria generale della Filcams Cgil Bat, Tina Prasti
“Per lo stesso servizio le parti (dirigenti della Universo Salute e Filcams e Fisascat), solo pochi mesi fa, si sono incontrate in Prefettura proprio per scongiurare il taglio delle ore o addirittura il taglio dei livelli occupazionali
Abbiamo trovato la quadra dopo alcuni tavoli ma a questo punto appare proprio che a nulla sia servito considerando che, a distanza di poco tempo dall’intesa raggiunta che salvaguardava livelli occupazionali e monte orario, l’azienda di ristorazione rinuncia al mandato”, conclude Prasti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Controlli Guardia di Finanza a attività commerciali di Bisceglie, Barletta e Andria: 21 dipendenti in nero e 4 irrigolari

 Sono complessivamente 25 i lavoratori risultati non in regola con i contratti di lavoro in sei attività distribuite tra Bisceglie, Barletta e Andria, nel nord Barese. A scoprirli sono stati i finanzieri impegnati nel contrasto al lavoro nero. Nello specifico, i militari hanno individuato 21 lavoratori in nero e 4 irregolari multando i sei imprenditori […]

Controlli Carabinieri su Trani e Bisceglie: 180 persone identificate

Più di 180 persone identificate e 75 autoveicoli controllati con 14 sanzioni al codice della strada per varie infrazioni e controllati anche 3 esercizi pubblici. E’ il bilancio dei controlli intensificati ulteriormente a Trani e Bisceglie nel fine settimana di Ferragosto da parte dei Carabinieri della Compagnia di Trani, che hanno operato non soltanto in […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: