Spina, l’Amministrazione comunale uccide democrazia e legalità

«Falsità del piano opere pubbliche 2019-2021 e Debito Fuiri Bilancio: Consumati da Angarano e c., in consiglio comunale e senza vergogna, gli omicidi premeditati della democrazia e della legalità !! Purtroppo, nella palestra della Cesare Battisti, ristrutturata (a proposito di opere pubbliche) per fortuna dalla mia amministrazione comunale qualche anno fa (accanto al Teatro Don luigi Sturzo, che era prima un deposito pericolante di attrezzi abbandonati), si è consumata l’ennesima violazione delle norme di legge, consegnando ai cittadini un piano triennale delle opere pubbliche 2019-2021, completamente falso e senza rispetto delle regole democratiche. Il dirigente responsabile ha cercato di “parare” il colpo con la produzione di un nuovo piano triennale (2020-2022) adottato dalla G.c. nel settembre 2919 (prima della sentenza di annullamento del TAR del novembre 2019). Ma era chiaro che non avrebbe potuto avere senso e validità il piano discusso ieri del 2019, in presenza di un piano preesistente già in vigore relativo all’anno 2020. Insomma anche ieri la tragicommedia fantozziana di un piano annuale delle opere pubbliche del 2019, portato in consiglio con due anni di ritardo, già ritirato dal sindaco per ben tre volte, pieno di falsità di stanziamenti (non corrispondenti alle poste di bilancio, come e’ stato dimostrato voce per voce carte alla mano).

Il nervosismo di qualche dirigente, ormai parte politica, che ha ben compreso la frittata fatta ha portato all’aberrante soluzione di negare il diritto di proporre emendamenti ai consiglieri comunali . La notte più buia della storia amministrativa biscegliese si è consumata tra decine e decine di debiti fuori bilancio e l’ennesimo atto di “banditismo politico” dell’amministrazione Angarano, che ha violato, impedito e negato quello che è’ il fulcro della partecipazione democratica, e cioè l’intervento emendativo e partecipativo dei consigliieri comunali. Intanto, anche le opere pubbliche di bisceglie, come il Teatro Garibaldi ieri, sono state impacchettate con un telo scuro . Ma questo, certamente, non nascondera’ lo 0 assoluto delle opere pubbliche di Angarano, ne’ le clamorose falsità degli stanziamenti e le violazioni delle norme del codice degli appalti pubblici. Mentre i dirigenti si sforzavano di trovare pezze a colori, Angarano ha detto solo una frase che da’ il suo senso alla seduta consiliare di ieri: al Comune non si devono applicare le norme come in un organo di giustizia amministrativa. Così, dopo “l’omicidio di Stato della democrazia”, perpetrato zittendo i consiglieri, Angarano ha dato il “colpo di grazia” alla “legalità”».

E’ quanto dichiara il consigliere comunale Francesco Spina all’indomani della seduta del Consiglio Comunale svoltosi lunedì 15 giugno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

De Toma: “Più sostegno a favore degli studenti universitari fuori sede”

Il consigliere regionale dei giovani Alberto De Toma con il sostegno dell’associazione universitaria “Studenti Indipendenti”, scrivono al Presidente della Regione Michele Emiliano affinché la regione adotti quanto prima l’innalzamento del limite di reddito per l’utilizzo di fondi regionali, attualmente fissato a 20.000,00€ dall’art 1 comma 526 della legge 30 dicembre 2020, n. 178, a 23.000,00€ […]

Scuola, Regione Puglia verso l’istituzione di operatori sanitari per emergenza

Per ora è una bozza di delibera che, se approvata, potrebbe portare nelle scuole pugliesi due novità importanti per consentire il rientro in classe di studenti e docenti in totale sicurezza. Come anticipato nei giorni scorsi dall’assessore regionale alla Sanità Pier Luigi Lopalco, la Regione è al lavoro sull’istituzione del team di operatori sanitari scolastici […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: