Anche un carabiniere di Bisceglie coinvolto nell’inchiesta sul traffico di droga dall’Albania

Anche un carabiniere di Bisceglie coinvolto nell’inchiesta sul traffico di droga dall’Albania

2 Luglio 2020 0 Di ladiretta1993

Ci sarebbe anche un carabiniere di Bisceglie, di 54 anni coinvolto nell’inchiesta portata avanti dal Procuratore di Bari Giuseppe Volpe su questioni di droga provenienti dall’Albania. Il carabiniere, in passato anche impegnato in politica biscegliese con una candidatura al Consiglio comunale, è accusato di aver fornito informazioni riservate a un narcotrafficante albanese tra le 37 persone arrestate nelle ultime ore (27 in Italia, 15 in carcere e 12 agli arresti domiciliari) su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari e dell’Autorità Giudiziaria albanese.

All’appuntato biscegliese  sono stati concessi i domiciliari. I fatti contestati risalgono agli anni tra il 2017 e il 2018, quanto il concittadino era in servizio alla stazione di Molfetta, stessa città in cui aveva dimora  il narcotrafficante albanese. Secondo le accuse, si sarebbe attivato dopo che l’Antimafia sequestrò un carico di droga custodito in un camper di un barese che è stato arrestato a Saranda, in Albania.  Dopo quest’episodio, il narcotrafficante avrebbe chiesto aiuto al militare il quale sempre secondo le accuse, entrando più volte nella banca dati interforze, avrebbe fornito informazioni   del Ministero dell’Interno e contribuito alla fabbricazione di documenti di identità falsi.