Comitato “Progetto Uomo” Bisceglie: operazione antivirus buona pappa

Comitato “Progetto Uomo” Bisceglie: operazione antivirus buona pappa

3 Luglio 2020 0 Di ladiretta1993

Domenica 28 giugno 2020 ha avuto termine l’iniziativa Operazione antivirus Buona Pappa!, organizzata dall’ associazione “Comitato Progetto Uomo” (Bisceglie) per una vicinanza umana e concreta alle famiglie con bambini della prima infanzia, durante l’emergenza sanitaria del Covid-19. L’iniziativa si è adattata alle diverse fasi delle indicazioni sanitarie e cioè attraverso una distribuzione domiciliare; in seconda fase con una zonale e, infine, con una distribuzione centrale. Da aprile a giugno sono state effettuate complessivamente 6 distribuzioni, una ogni 15 giorni, e raggiunti oltre 50 nuclei familiari, donando prodotti alimentari e igienici per i neonati.

 

Nel solco della missione associativa del CPU, accanto al dono materiale c’è stata anche una presenza amicale con telefonate e messaggi che hanno attenuato l’isolamento sociale dovuto alla pandemia.

 

Il servizio è stato reso possibile grazie al coordinamento con il C.O.C e in particolar modo con i responsabili della Protezione Civile di Bisceglie. È stata molto utile anche l’intesa con la Caritas cittadina, e per questo non si è registrata sovrapposizione di servizi.

 

Comitato Progetto Uomo, nella persona del presidente dott. Mimmo Quatela, formula il ringraziamento all’Associazione Avvocati di Bisceglie e alla FIDAPA per la donazione dei prodotti che hanno integrato quanto raccolto con il Banco Bebè, organizzato nelle Scuole dell’Infanzia e Primarie della città e nella Farmacia Silvestris e con le donazioni di singoli concittadini: si è trattato di un’iniziativa corale della città di Bisceglie che ha provveduto ai suoi piccoli.

 

Il Presidente ha affermato: «È anche vero che il tutto si muove grazie ai volontari, e non posso non evidenziare l’impegno profuso dalle nostre volontarie in questo frangente, come nell’ordinario: Elisa, Rosanna, Marinella, Isa, Tonia, Grazia, Pina, Luciana, Miriana, Angela, Enza. Un grazie anche agli operatori della comunicazione che con la loro informazione diffondono quanto di bene una comunità riesce a realizzare, indipendentemente da chi lo promuove. Ciò che ci spinge è la nostra umanità, il nostro farci carico del disagio altrui. Siamo fatti così… anzi, siamo stati fatti così da Colui che si prende cura della nostra esistenza anche nei momenti tristi, che ci è accanto con una presenza discreta ma vera. Ora riprendiamo l’ordinario, con la memoria di quello che abbiamo vissuto. Un grande grazie a tutti per la fiducia che avete risposto nella nostra associazione».