Sagre, feste e fiere nella Bat: un silenzio pauroso dei Comuni, ambulanti in stato di agitazione

Le linee guida emanate dalla Regione Puglia per la ripartenza delle sagre, feste patronali, parrocchiali e fiere tradizionali sono state completamente ignorate e disattese da parte dei sindaci dei comuni della Provincia Bat. La delusione degli Ambulanti che vivono di queste tradizionali manifestazioni, avendo acquisito diritti reali che non possono essere violati, è tantissima di fronte ad una condizione economica e psicologica drammatica. Mentre nei luoghi privati, discoteche ma anche luoghi pubblici gli eventi si stanno svolgendo, nel rispetto delle precauzioni di legge, per le fiere tradizionali calendarizzate, feste patronali e parrocchiali il silenzio è assoluto e questa manda su tulle le furie anche le famiglie di quelle imprese forzatamente fermante dall’incapacità delle amministrazioni pubbliche locali di dare seguito alle linee guida regionali.

Ad esternare la profonda delusione degli Ambulanti il rappresentante Unibat – CasAmbulanti, Savino Montaruli che ha dichiarato: “ancora una volta le istituzioni locali danno il peggio di sé. Nessun incontro dedicato, nessuna espressione di minima solidarietà e neppure la capacità di interloquire con le Imprese e con le loro Associazioni. Un silenzio assordante che manifesta il disagio amministrativo e l’incapacità di rapportarsi con il territorio e con il mondo della rappresentanza reale da parte di pubblici amministratori che forse dovrebbero riflettere moltissimo sul loro atteggiamento. La soppressione di Manifestazioni inserite nei Piani del Commercio, nella regolamentazione comunale, nei Documenti Strategici del Commercio è un atto che dovrebbe far riflettere, anche in relazione ai mancati introiti per quelle stesse amministrazioni spesso in condizioni economiche disastrose, a causa di avventate politiche economiche e gestioni fallimentari della cosa pubblica. Ciò cui stiamo assistendo ha in sé qualcosa di indescrivibile e sta alimentando una fortissima tensione sociale che dovrebbe far riflettere, come sta riflettendo da tempo il Ministro all’Interno Lamorgese anche se pare che i suoi appelli, ad oggi, siano stati completamente ignorati. Il Paese è sul una palla di fuoco e noi abbiamo terminato tutto il ghiaccio per mantenere bassa la temperatura. Ognuno si assumerà le proprie responsabilità” – ha concluso Savino Montaruli.

L’Ufficio di Presidenza UNIBAT – CasAmbulanti, CHIEDE un urgente incontro istituzionale sia con S.E. il Prefetto Maurizio Valiante che con ogni singolo Sindaco o Commissario Straordinario dei dieci comuni della Provincia, destinatari della presente nota.

Intanto partono le iniziative sull’intero territorio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Sull’anticipo della nascita di Gesù Bambino la sfida è a Bisceglie tra Boccia e mons. Ricchiuti

Si gioca a Bisceglie la partita sulla proposta avanzata dal Ministro Boccia (biscegliese) di anticipare di un paio d’ore le celebrazioni liturgiche il 24 dicembre prossimo. A replicare all’esponente Pd è stato il presule Giovanni Ricchiuti (anch’egli biscegliese). Lo ha fatto sulle pagine de “Ilfattoquotidiano.it” in una lunga intervista curata dal collega Francesco Antonio Grana. […]

Legambiente, Di Gregorio: pochi soldi per i pasti caldi agli indigenti e troppo denaro per le luminarie

Non ci siamo, proprio non ci siamo. La nuova delibera della giunta comunale biscegliese al gran completo, ci trova sconcertati! In essa, per le festività natalizie, si destinano a luminarie e rappresentazioni varie, oltre 34.500€ mentre, per i pasti caldi degli indigenti, meno di un decimo di quella cifra. Ci chiediamo sgomenti se, come hanno […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: