Quel che resta del Cimitero di Bisceglie… (le foto del degrado). Le denunce dei consiglieri Russo e Spina

Quel che resta del Cimitero di Bisceglie… (le foto del degrado). Le denunce dei consiglieri Russo e Spina

4 Agosto 2020 0 Di ladiretta1993

Nel report fotografico che vi proponiamo, viene mostrato il completo stato di degrado in cui versa il Campo Santo di Bisceglie.

Due consiglieri comunali, Alfonso Russo e Francesco Spina sono intervenuti sulla questione proprio questa mattina. Di seguito i loro interventi:

ALFONSO RUSSO (NELMODOGIUSTO): «Purtroppo la gara per la costruzione dei loculi cimiteriali è bloccata, secondo me ancora per molto non si vedrà “luce”. La maggioranza sta mettendo in evidenza da parte di alcuni consiglieri un rigurgito di dignità asserendo che il programma della SVOLTA era un altro ( Losapio sulla 165) Sasso ormai è fuori, altri stanno per “sbottare”, rendendosi conto di reggere una Amministrazione che fa acqua da tutte le parti. Credo che sia palese e visibile a tutti i Cittadini che la Città sta vivendo un momento di appannamento in tutti i settori, tutto fermo, tutto approssimativo.

FRANCESCO SPINA: L’Autorità anticorruzione (Anac), per la prima volta nella storia di Bisceglie, interviene sul Comune e annulla l’aggiudicazione della gara multimilionaria per l’ampliamento del Cimitero comunale.  E per la cattiva gestione dell’Amministrazione Angarano, le famiglie dei defunti vivono giornate drammatiche (chi ha pagato i loculi rischia di perdere le somme versate e i prezzi lievitano giornalmente). Le foto di tutto il cimitero, con pezzi di soffitto che cadono quotidianamente, con il prezzo dei loculi quintuplicato, le luci delle lampade votive staccate perché l’appalto è scaduto e le fosse per le inumazioni ormai terminate, creano un’emergenza igienico-sanitaria a fronte della quale l’inerzia del sindaco ci risulta inquietante. La gara fatta dall’amministrazione Angarano per il project financing sul cimitero, programmato dall’amministrazione Spina, è’ stata annullata dall’anac (autorità anticorruzione) per violazioni e forzature nell’aggiudicazione (cosa mai successa nella storia del comune di Bisceglie), le cui conseguenze per altri profili sono ora imprevedibili. Insomma, la situazione drammatica del cimitero comunale è’ lo specchio del degrado in ogni angolo della città (basta andare stamattina nella zona stazione ferroviaria).