GIanluigi Belsito chiude la rassegna Le Stelle dell’Orsa Maggiore al Planetario di Bari

Si chiude la rassegna di astronomia, laboratori e teatro-scienza organizzata dal Planetario di Bari e intitolata Le Stelle dell’Orsa Maggiore con due eventi precedentemente saltati causa maltempo. Con ingresso gratuito, sul prato antistante la struttura all’interno della Fiera del Levante, l’iniziativa, finanziata dal Comune di Bari con il progetto Arene Culturali, si conclude con l’attore e regista Gianluigi Belsito del Teatro del Viaggio che (lunedì 17 agosto, alle ore 20) è protagonista dello spettacolo di teatro-scienza “Armstrong e la conquista della luna”, preceduto alle 19 da un laboratorio scientifico in collaborazione con Spicchio Verde. La serata successiva (martedì 18, ore 20) vede nuovamente protagonista l’astronomia con Pierluigi Catizone dove l’aspetto scientifico viene arricchito dalle parole di Calvino su Marte, Giove e Saturno recitate sempre da Belsito. Segue l’osservazione della luna al telescopio.

Prenotazione obbligatoria a bariplanetario@gmail.com Info: 393-4356956, www.planetariobari.com

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Servono fondi, l’associazione “I fiati” apre al tesseramento

Con una lettera aperta indirizzata a sostenitori e simpatizzanti, l’associazione biscegliese “I fiati” (concerto bandistico “Città di Bisceglie” della fondazione “Biagio Abbate”) ha aperto la sua campagna tesseramento. «L’emergenza sanitaria che ha segnato il 2020 -si legge nella lettera- ci ha impedito di poter organizzare e di godere delle nostre attività artistiche. Nonostante ciò, siamo […]

La musica d’autore per i giovani: Giuseppe de Candia racconta Luca Carboni alla generazione Z (IL VIDEO)

È in uscita oggi il singolo di Giuseppe de Candia che omaggia con un riarrangiamento synth pop lo storico brano di Luca Carboni “Ci stiamo sbagliando”, tratto da “Intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film…”, album d’esordio del cantautore bolognese. Nel brano del 1984 Carboni dipinge pensieri, dubbi e speranze di una generazione narrando il […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: