Vecchie Segherie: venerdì 11 presentazione Lost Tapes vol. 4 di Minafra dedicato a Mimi Laganara e alla sua orchestra

Venerdì 11 settembre alle ore 19,30 le Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie ospitano la presentazione del cd, organizzata dal comune di Bisceglie, Lost Tapes vol 4 Mimì Laganara con Livio Minafra e la partecipazione di Mimì Laganara, l’attore Livio Berardi e Donato Cillis alla conduzione (ingresso libero sino ad esaurimento posti disponibili, prenotazione obbligatoria in ottemperanza alle norme Covid allo 080.8091021 – info@vecchiesegherie.it). La storia affascinante di Mimì Laganaranato a Bisceglie il 13 ottobre 1928, personaggio di spicco del jazz del dopo guerra e protagonista del nuovo cd della collana biografica Lost Tapes del pianista Livio Minafra, pubblicata dall’etichetta Angapp Music, dedicata alla ricerca, recupero e restauro del lavoro di figure pugliesi di rilevo del jazz internazionale. Nel 1944 a Bisceglie americani e inglesi formano un’orchestra da ballo jazz completandola con alcuni musicisti locali tra i quali il giovane Laganara alla fisarmonica. Quest’esperienza, più l’acquisto di numerosi V-Disc direttamente dai soldati americani per 50-100 lire, lo portano negli anni a formare una vera e propria Big Band che inizialmente prese il nome di Ragazzi Matti o Crazy Band, con un esplicito riferimento al noto manicomio cittadino e nel 1949 nacque la Mimì Laganara e la sua Orchestra. Medico presso un casa di riposo gestita da suore, fu messo di fronte alla scelta di quale strada seguire poiché le suore e i religiosi dell’epoca ritenevano ‘indecoroso’ suonare musica da ballo. Mimì, così decise di abbondare la musica e il suo progetto dell’orchestra –  eccezione per la presenza in “Bisceglie Gershwin” del 1975 in compagnia del pianista Sante Palumbo – e dedicarsi alla sua professione di Primario di Medicina Generale e Malattie Infettive presso l‘Ospedale Vittorio Emanuele II di Bisceglie, dove vive tuttora.

Le registrazioni, effettuate quasi per caso dal biscegliese Peppino Valls con un filofono e ora opportunamente restaurate a più mani da Tommy Cavalieri, Martino Tempesta e Gianluca Caterina, fanno rivivere quel periodo, quella freschezza e quell’entusiasmo post-bellico unico nel suo genere. Da sottolineare la presenza di un giovanissimo chitarrista, Peppino Rana, padre del pianista Enzo Rana e nonno delle virtuose soliste classiche Ludovica e Beatrice Rana.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

UN MONDO (poco) ORDINARIO per i Monarchs

Una band emergente D.O.C che si affaccia nel panorama musicale pugliese, i Monarchs, gruppo pop-punk/pop-rock formatosi nel 2016 a Bisceglie. La formazione è composta da 3 elementi: Marco Mastropierro alla voce e chitarra elettrica (18 anni, bisceglie),  Davide Capuozzo al basso (23anni, bisceglie) e Fabrizio de Gioia alla batteria (20 anni, bisceglie). Nella loro ancora […]

Nimie (Marisa Attolini) canta su Youtube

Nel difficile periodo di pandemia che sta colpendo duramente il settore artistico, molti giovani cantanti del nostro territorio stanno proseguendo duramente il proprio lavoro di diffusione artistica attraverso la rete: è il caso di Marisa Attolini (classe ’93), in arte Nimue, che ha recentemente aperto il proprio canale dal nome “Give me something to sing […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: