Tumori al seno, il Comune aderisce alla campagna “Nastro Rosa 2020”

Anche quest’anno Bisceglie aderisce alla campagna “Nastro Rosa 2020” della Lilt per sensibilizzare le donne alla prevenzione e tenere sempre alto il livello di attenzione sull’importanza della diagnosi precoce nella lotta al tumore al seno.
Per diffondere questo messaggio tanti monumenti in Italia e nel mondo si tingono di rosa, il colore simbolo della lotta contro questa patologia. Così abbiamo illuminato di rosa Palazzo San Domenico. Un modo per far sentire forte la nostra vicinanza alle donne e alle famiglie che combattono ogni giorno con grande coraggio contro questo nemico e sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione e del sostegno alla ricerca oncologica.
A questo proposito la nostra Città da domani è ancora più in prima linea su queste tematiche così importanti grazie all’istituzione della delegazione per Bisceglie della Lilt presso la società di mutuo soccorso Roma Intangibile.
Un significativo punto di riferimento nella nostra Città per informare e orientare sul tumore al seno, che, come rimarcato dal presidente nazionale della LILT, Francesco Schittulli, continua ad essere il “Big Killer” delle donne e sebbene sia una malattia sempre meno letale, a livello d’incidenza continua invece a crescere, colpendo anche donne più giovani.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Scuola: Puglia verso proroga ordinanza su opzione Dad

La Regione Puglia si starebbe orientando verso la proroga dell’ordinanza, in scadenza giovedì 3 dicembre, che permette di scegliere per i propri figli tra didattica in classe o a distanza. E’ quanto emerso durante l’incontro che si è svolto oggi tra sindacati, Ufficio scolastico regionale, e Regione Puglia rappresentata dal presidente Michele Emiliano e dagli […]

Mons. Ricchiuti: «Stop ai velivoli F-35 e alle armi nucleari». L’appello di Pax Christi: «Siamo nell’Avvento, l’alba di giorni e di tempi giusti e pacifici»

«Con questo lockdown, tutto deve fermarsi, niente relazioni o assembramenti, scuole più o meno chiuse, commercio in ginocchio… ma le guerre no, quelle no, non si fermano e le tregue tra Paesi in guerra sono fragilissime. Non si fermano esercitazioni militari e produzione di armi, si chiudono i porti ai migranti ma li si aprono […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: