Il Liceo “Da Vinci” di Bisceglie approva una nuova articolazione dell’orario scolastico

Nell’ambito dell’autonomia didattica ed organizzativa dell’amministrazione scolastica, ai sensi degli artt. 4 e 5 del d.p.r. n. 275/1999, ieri, 6 ottobre 2020, in sede di Consiglio d’Istituto, la nuova articolazione oraria ha superato il secondo step, un primo parere favorevole era già stato espresso durante il Collegio Docenti del 1 Ottobre.

Pertanto da lunedì 12 ottobre le lezioni si svolgeranno dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 8:00 alle ore 13:30, con un’unità oraria di 55 minuti.

La scelta di tale articolazione dell’orario è esercitata in armonia e coerenza con il PTOF e non intacca il monte ore assegnato per ciascuna disciplina ed indirizzo di studi. Essa si ispira a consuetudini consolidate in altri ordini di scuole del territorio e negli istituti superiori dei paesi limitrofi e consente di adeguare il modulo settimanale agli standard nazionali, regionali ed europei, nonché di offrire agli studenti la possibilità di usufruire del tempo occorrente per l’approfondimento di interessi personali, culturali, sportivi e di volontariato.

La settimana corta comporterebbe dei miglioramenti nella vita della scuola, il passaggio dai sei ai cinque giorni della settimana scolastica consentirebbe infatti, nella valutazione del Collegio dei Docenti, i seguenti vantaggi:

  • una distribuzione migliore dell’impegno nello studio degli Studenti;
  • una più razionale ed efficiente gestione del personale scolastico;
  • una più efficace articolazione della didattica;
  • il superamento del problema delle numerose assenze e delle uscite anticipate che gli Studenti concentrano nella giornata del sabato;
  • il possibile miglioramento delle condizioni di studio e di frequenza anche per gli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento, DSA, o con altre difficoltà nei confronti dello studio e della concentrazione: la possibilità di una pausa settimanale di due giorni dalla frequenza scolastica può rappresentare infatti una corretta risposta al loro bisogno di tempi maggiori di recupero. Inoltre la riduzione del numero delle discipline giornaliere, tramite il loro raddoppio orario più frequente, può rispondere meglio alle loro esigenze di usufruire di tempi più distesi nell’impegno e nella pianificazione dello studio, dovendo affrontare giorno per giorno un numero inferiore di discipline nonostante l’aumento delle ore;
  • l’aumento dell’efficacia dell’azione educativa, permettendo di legare tra di loro le ore di alcune discipline, offrendo più opportunità di promuovere didattiche laboratoriali e metodologie innovative, favorendo le compresenze dei Docenti e l’interdisciplinarietà;
  • il prolungamento dell’orario di apertura pomeridiana della scuola, organizzando il lavoro del personale ATA, favorendo l’attivazione di progetti di recupero delle carenze con corsi, sportelli e peer to peer;
  • la possibilità eventuale di riservare la mattina del sabato o i pomeriggi per organizzare e realizzare progetti e attività facoltative, che ad oggi, si svolgono in orario curricolare;
  • una serena partecipazione alla vita familiare e sociale: le Studentesse e gli Studenti avrebbero due giorni consecutivi per gestire tranquillamente i propri rapporti familiari e sociali, lo studio, lo sport e le attività extrascolastiche.

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: Lopalco, Rt sotto 1, la Puglia potrebbe diventare gialla

La Puglia diventerà gialla? “Se ci fermiamo al freddo ragionamento dell’algoritmo, la possibilità di essere classificati gialli e’ elevata”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità Pier Luigi Lopalco, ospite alla trasmissione “Un giorno da pecora” su Radio Uno. Però “stiamo ancora aspettando la decisione del Ministero. Siamo in una situazione di passaggio, molto intermedia […]

Scuole Paritarie. Comitato Polis Pro Persona: “Cambiare legge Bilancio 2021 perché dimentica disabili e libertà di educazione”

“È urgente cambiare la legge di Stabilità 2021 perché la libertà più grande è quella di educare”. È l’appello lanciato da oltre 70 Associazioni no profit (Comitato Polis Pro Persona). “Solo nell’ultimo periodo censito sono 143 gli istituti scolastici paritari che hanno chiuso e quasi 28mila gli studenti che hanno perso la loro scuola, mentre in altri casi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: