Covid, la posizione di Confcommercio Bisceglie in attesa del nuovo decreto governativo

Più controlli sui protocolli di sicurezza, perché misure più restrittive come l’ipotesi di “anticipare la chiusura serale di ristoranti, bar e pizzerie non serviranno a fermare il Covid-19″. 

A dichiararlo è Leo Carriera, direttore di Confcommercio Bari-BAT, mentre a Roma il Governo ventila l’ipotesi un nuovo DPCM contenente misure più restrittive per combattere la pandemia, compresa la chiusura anticipata dei pubblici esercizi.

“Le imprese in questi mesi hanno già pagato abbastanza le difficoltà derivanti dalla crisi sanitaria. Lo hanno fatto stringendo i denti con spirito di sacrificio, sapendo che serviva l’impegno di tutti per contrastare i contagi. Così, dopo i mesi di chiusura forzata e il blocco delle attività nei mercati, con il personale ancora in parte in cassa integrazione, si sono dati da fare investendo energie e denaro nell’applicazione dei rigidissimi protocolli sanitari messi a punto dalle autorità. Tutto pur di tornare a lavorare. E continuano a tenere alta la guardia, per salvaguardare la sicurezza di clienti e collaboratori, perché nessuno ha interesse ad ammalarsi”, prosegue Carriera.

Decidere la chiusura serale anticipata dei locali secondo Carriera, significa cancellare la parte forse più cospicua del loro fatturato, con l’inevitabile proliferazione delle varie forme di abusivismo che sfuggono facilmente a qualsiasi controllo e, comunque, non sono controllabili come quelli dei pubblici esercizi.”.

L’unica soluzione secondo Carriera “è spingere sui controlli e verificare che tutti gli operatori rispettino le norme sanitarie in vigore. Per il resto, il Covid non fa differenza di orari: se posso consumare la mia cena alle ore 20 in un ristorante sicuro e certificato, nel rispetto di tutte le regole, posso farlo anche alle 23”.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: a Bisceglie un punto nascita per le pazienti positive

L’Asl Bat ha disposto l’attivazione di un punto nascita no-Covid all’ospedale di Barletta e un punto nascita dedicato alle pazienti affette da Covid all’ospedale di Bisceglie. “La scelta – spiegano dall’azienda sanitaria – nasce dalla valutazione dei dati e dalla volontà di garantire alle partorienti del territorio un percorso certo e garantito. Resta attivo, naturalmente, […]

Negozi aperti fino alle 21. Montaruli (Unibat): «Più concertazione nella Bat, Flussi di consumatori verso altre città»

Il nuovo DPCM del Governo prevede la possibilità per i negozi di vicinato di restare aperti fino alle ore 21,00. Un cambiamento importante per alcune città della provincia BT che, con ordinanze sindacali, avevano stabilito l’orario di chiusura serale alle 19,00, con l’adozione fallimentare della sperimentazione dell’orario continuato. Dopo l’incontro di giovedì 3 dicembre tenutosi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: