Bisceglie, la denuncia: sono in quarantena, ma la Asl non si fa viva per il tampone

Con una lettera inviata in Redazione, un cittadino biscegliese denuncia di essere in quarantena perchè il suo papà è risultato positivo al coronavirus e di vivere in questi giorni un disservizio generato dalla Asl locale.
«Con la presente sono a comunicarLe che sono in quarantena da 10 giorni con la mia ragazza e oggi dovrei fare il tampone per presenza o meno di COVID-19. A tutt’ora non ho ricevuto alcuna chiamata da parte dell’ASL per sapere luogo ed orario dove poter fare il tampone. La cosa che mi fa rabbia è che stò provando a contattare insistentemente l’ASL ma non ricevo alcuna risposta. Questa è una cosa vergognosa da parte di chi ha necessità di uscire poiché titolare di azienda. Pertanto, se possibile, Le chiedo di dare risalto a mezzo del Suo giornale,  a questo disservizio».  

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: in Puglia 1659 nuovi casi e 34 decessi

Oggi in Puglia, su 9.820 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus, sono stati registrati 1.659 casi positivi: 577 in provincia di Bari, 96 in provincia di Brindisi, 176 nella provincia Bat, 567 in provincia di Foggia, 78 in provincia di Lecce, 159 in provincia di Taranto, 5 residenti fuori regione, un caso di provincia di residenza […]

Puglia. Regionali, “Italia in Comune” deposita il ricorso al Tar

La segreteria regionale di Italia in comune PUGLIA ha depositato il ricorso al Tar per l’annullamento e la riforma della attribuzione dei seggi dopo le elezioni regionali dello scorso settembre. I candidati consiglieri Rosario Cusmai, Francesco Crudele, Piero Bitetti e Paolo Pellegrino in una nota evidenziano che “i nostri 67mila voti sono senza rappresentanti” e […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: