Coronavirus, i giostrai itineranti della Puglia protestano: «Fermi da un anno, fateci lavorare»

Giostrai dei Luna Park itineranti a piazza del Popolo, riuniti nella Capitale per la prima grande manifestazione di protesta dello spettacolo viaggiante. “Siamo fermi da un anno, chiediamo che venga tutelato il nostro diritto al lavoro su tutto il territorio nazionale”.

Lo dice Luigi Pietrati, rappresentante per la Puglia e la Calabria tra numerose sigle: Unav spettacoli viaggianti, Felsa, Ansya, Unesv, Asv, Confesercenti, Snav Cgil, attrazionisti viaggianti. “Ci battiamo per i diritti dei Luna park itineranti. Siamo partite iva come tutte le altre ma i sindaci non ci fanno installare nonostante siamo forniti di tutti i dispositivi di sicurezza anti-covid, perché hanno annullato sagre e fiere. Da Carnevale non abbiamo più lavorato”. Tra le richieste: che venga confermata la validità delle ordinanze di apertura emesse dalla conferenza stato regioni e successivamente dei governatori; che venga tutelato il diritto di sosta abitativo; che venga tutelato il diritto all’istruzione dei figli; aggiornamento e obbligo di applicazione della legge 337 a garanzia e tutela degli operatori dello spettacolo viaggiante; aiuti economici reali con richiesta a fondo perduto a sostegno della Categoria.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Scuola: Puglia verso proroga ordinanza su opzione Dad

La Regione Puglia si starebbe orientando verso la proroga dell’ordinanza, in scadenza giovedì 3 dicembre, che permette di scegliere per i propri figli tra didattica in classe o a distanza. E’ quanto emerso durante l’incontro che si è svolto oggi tra sindacati, Ufficio scolastico regionale, e Regione Puglia rappresentata dal presidente Michele Emiliano e dagli […]

Mons. Ricchiuti: «Stop ai velivoli F-35 e alle armi nucleari». L’appello di Pax Christi: «Siamo nell’Avvento, l’alba di giorni e di tempi giusti e pacifici»

«Con questo lockdown, tutto deve fermarsi, niente relazioni o assembramenti, scuole più o meno chiuse, commercio in ginocchio… ma le guerre no, quelle no, non si fermano e le tregue tra Paesi in guerra sono fragilissime. Non si fermano esercitazioni militari e produzione di armi, si chiudono i porti ai migranti ma li si aprono […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: