Startup: D’Amato, “Digithon sarà a Bisceglie e non si ferma nonostante il Covid”

“Nei mesi scorsi abbiamo pensato se fosse opportuno o meno quest’anno fare una Digithon, che sarebbe stata necessariamente ridotta per certi versi, non dal punto di vista dell’entusiasmo che mettiamo nella start up competition e che in questo momento abbiamo trovato il modo di preservare e di portare avanti anche quest’anno. Però appunto, dopo varie titubanze, il grande entusiasmo e i contatti ricevuti nei mesi scorsi da tanti che in questi anni ci hanno conosciuto o che comunque volevano partecipare, ci hanno spinto con le loro idee e con le loro proposte, a dire che ‘no, non potevamo fermarci’. E da qui abbiamo scelto il nostro claim: #don’tStopMeNow”. Così Letizia D’Amato, presidente di Digithon, questa mattina ha dato il via alla quinta edizione della maratona digitale che vede in gara 50 tra le migliori startup italiane. Il tutto in live streaming a causa della pandemia in corso, mentre nello storico teatro della manifestazione a Bisceglie (le Vecchie Segherie Matrototaro) c’erano soltanto, in veste di coordinatori e presentatori, Giuseppe Mastrodonato (cto e co-founder di Digithon, ed Ennio De Iapinis, lawyer e cofounder) che hanno dato il via alla gara delle start up in collegamento da tutto il Paese per presentare le loro ‘invenzioni’.

E’ slittato alle 14.30, per concomitanti impegni istituzionali, l’intervento (in live streaming da Roma) del fondatore di Digithon, Francesco Boccia, ministro per gli Affari regionali e le Autonomie. D’Amato ha parlato della decisione di tenere la quinta edizione di Digithon come di “un segnale importante che ci sentiamo di voler dare a tutti in questo momento così difficile, perché naturalmente fermarsi sarebbe stato più semplice apparentemente, ma anche un segnale che a volte contraddice la anche la nostra mission. Quindi innanzitutto grazie ai nostri startupper che ci hanno dato il loro entusiasmo, che non ci hanno fatto mancare in questi mesi. Grazie al team di Digithon che comunque ha cercato di trovare in tutti i modi le soluzioni per far sì che non potessimo essere fermati e grazie veramente di cuore – che è doveroso e dovuto rispetto a quello che abbiamo messo sempre – ai nostri partner, che anche loro nonostante il momento difficile, la crisi e tutto ciò che stiamo attraversando e che ancora attraverseremo hanno creduto in noi anche quest’anno, ci hanno permesso di esserci e ci hanno affiancato”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: Lopalco, Rt sotto 1, la Puglia potrebbe diventare gialla

La Puglia diventerà gialla? “Se ci fermiamo al freddo ragionamento dell’algoritmo, la possibilità di essere classificati gialli e’ elevata”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità Pier Luigi Lopalco, ospite alla trasmissione “Un giorno da pecora” su Radio Uno. Però “stiamo ancora aspettando la decisione del Ministero. Siamo in una situazione di passaggio, molto intermedia […]

Scuole Paritarie. Comitato Polis Pro Persona: “Cambiare legge Bilancio 2021 perché dimentica disabili e libertà di educazione”

“È urgente cambiare la legge di Stabilità 2021 perché la libertà più grande è quella di educare”. È l’appello lanciato da oltre 70 Associazioni no profit (Comitato Polis Pro Persona). “Solo nell’ultimo periodo censito sono 143 gli istituti scolastici paritari che hanno chiuso e quasi 28mila gli studenti che hanno perso la loro scuola, mentre in altri casi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: