Covid: Boccia, possibile stop in alcuni territori

Non si esclude “la necessità di una, due, tre settimane di stop in alcuni territori, perché l’indice Rt non è uguale dappertutto”. Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, parlando ancora dell’emergenza Covid in occasione della giornata conclusiva di Digithon.

“In questo momento le aree interne non sono nella condizione delle aree metropolitane e nelle aree metropolitane – ha spiegato – c’è una maggior difficoltà perché è fin troppo evidente che la difficoltà è legata alla densità di popolazione. E questa cosa evidentemente, in questo momento, va spiegata bene e va rafforzata anche attraverso gli strumenti tecnologici di cui ci siamo dotati”.

Importante secondo Boccia anche il ruolo delle imprese nell’emergenza. “Io penso che l’Italia abbia avuto la forza fino ad oggi – ha spiegato Boccia – di andare avanti perché il concetto ‘prima la salute, prima la difesa della vita e poi il business’ sia stato un concetto che le imprese stesse hanno sostenuto. E io le ringrazio, perché se non ci fosse stata la compattezza con il mondo delle imprese e il mondo del lavoro, noi non ci saremmo riusciti già da marzo-aprile”. “Però mentre a marzo-aprile – ha proseguito il ministro – non avevamo gli strumenti, non avevamo le mascherine, non avevamo i ventilatori, non avevamo nulla (e come noi tutto il mondo occidentale che era stato preso in contropiede) oggi abbiamo tutto. I ventilatori ci sono, gli strumenti ci sono, le attrezzature ci sono. Le imprese hanno dei protocolli certi e hanno investito. Così come hanno investito i commercianti, tutti coloro che si occupano di servizi, tutti hanno investito e naturalmente hanno investito ristoratori o coloro che hanno strutture come palestre e piscine. Sono tutte cose per le quali noi abbiamo consapevolezza che aver investito non significa aver perso, significa aver garantito la sicurezza per oggi o per domani”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Cultura, Silvestris: «Facciamo rivivere a Bisceglie il festival dedicato a Mauro Giuliani» (IL VIDEO)

Far rivivere a Bisceglie il Mauro Giuliani Festival: un appuntamento che richiami nella nostra città, per l’intero mese di luglio, i più grandi maestri e tutti gli appassionati della musica da chitarra, con esibizioni, concerti e masterclass. Questa l’idea lanciata da Sergio Silvestris, candidato sindaco alle primarie di coalizione del prossimo 12 marzo, per celebrare […]

De Toma: la biblioteca è chiusa da troppo tempo, basta menzogne

I lavori per la nuova biblioteca comunale sono oggettivamente in ritardo, l’amministrazione comunale ha dato la colpa inizialmente alla pandemia, ma questo è falso.  I lavori erano stati annunciati per la prima volta a giugno 2019, ma come sappiamo la nostra regione è entrata in zona rossa a metà Marzo del 2020.  Successivamente l’amministrazione comunale […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: