Puglia, la droga a fiumi che arriva dal mare e passa per Bisceglie

Quel che più mi indigna è l’arroganza di certi criminali che si sono impossessati silenziosamente delle piazze e delle strade della nostra città e le trattano come fosse cosa loro. La violentano, dal centro alla periferia, passando per il borgo antico. Certi luoghi della nostra Bisceglie sono abbandonati alla mercè dell’inciviltà più becera.
La droga che ormai circola a fiumi in città ne è un esempio, l’esempio più lampante di un declino costante delle nostre prospettive di crescita e sviluppo, l’esempio di un’economia in crisi che vede oggi nel malaffare che “fattura” centinania di migliaia di euro al mese l’unica ancora di sopravvivenza per la manovalanza di disperati che siano prestanome, prestaluoghi, sentinelle, piccoli spacciatori.
L’antistato si fa Stato e dà risposte all’incapacità di disegnare il futuro di amministrazioni inette e silenziose. Amministrazioni fieramente soddisfatte di aver relegato a magistratura e forze dell’ordine una lotta politica-amministrativa-sociale che dovrebbe essere senza quartiere.
A Bisceglie la droga arriva dal mare, ce lo dice un’ultima operazione della Finanza che ha portato al sequestro di beni per 3 milioni di euro. Quindici persone coinvolte, fra biscegliesi, molfettesi, baresi e foggiani. Le mafie di Puglia la droga la lavorano, conservano, nascondono, la smerciano nei box dei nostri palazzi, negli appartamenti in pieno centro o in periferia. Le mafie di Puglia passano anche per Bisceglie e sfruttano giovanissimi pusher per proliferare e insinuarsi come metastasi cancerogene.
Sì tu parli, parli Arena… ma che possiamo fare? Tanto più in una crisi sanitaria come questa in cui abbiamo altro a cui pensare?
Una proposta concreta, l’Amministrazione si faccia promotrice della costituzione di un Comitato permanente per la sicurezza pubblica e la legalità che riunisca Istituzioni, associazioni, rappresentanti delle scuole, partiti dentro e fuori il consiglio, cittadini, professionisti e che si adoperi per supportare l’Amministrazione nella programmazione e nella realizzazione di
– azioni di riqualificazione urbana e sociale;
– attività di monitoraggio e controllo diffuso del territorio;
– attività di screening di opportunità di finanziamento per il contrasto alla devianza minorile e la creazione di spazi di aggregazione.
Le mafie si vincono con l’antimafia sociale. E di antimafia sociale ce ne sarà tanto bisogno appena terminata questa terribile emergenza.
Smettiamola di girare la testa dall’altra parte: piedi nel fango. Io ci sono e come me, ne sono convinto, tanti biscegliesi per bene.
VINCENZO ARENA

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Coronavirus, in Puglia 1.419 nuovi positivi e 72 nuovi decessi

In Puglia, sono stati registrati 9.480 test per l’infezione da Sars-Cov-2 e sono stati registrati 1.419 casi positivi: 741 in provincia di Bari, 161 in provincia di Brindisi, 165 nella provincia Barletta Andria Trani, 106 in provincia di Foggia, 97 in provincia di Lecce, 135 in provincia di Taranto, 11 residenti fuori regione, 3 casi di […]

12 ore di lockdown per “BottegZone”, la singolare protesta del gruppo social biscegliese

Durante la giornata di venerdì 4 dicembre BottegZone sospenderà i gruppi social per dodici ore. Durante questo intervallo di tempo non saranno approvati post da parte dei moderatori. L’obiettivo della singolare iniziativa di protesta è quello di sensibilizzare tutti: «Il contagio non si ferma da solo», scrivono i responsabili del gruppo Social, «Troppe, troppe persone […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: