Orto Schinosa, associazione oratoriani all’Amministrazione: destinato a coltivare ortaggi? C’era un altro progetto…

Qualche tempo fa era corsa voce  che per  l’Orto Schinosa esistesse un progetto che lo destinava a luogo dove coltivare ortaggi.

Se la voce rispondesse al vero, sarebbe proprio il caso di dire che  la montagna ha partorito il topolino o, nella fattispecie, qualche chilogrammo di ortaggi.

Dunque,  un luogo storico di Bisceglie che rappresenta un piccolo ecosistema naturalistico nel cuore della città si troverebbe destinato ad ortalizio, interpretando alla lettera il significato corrente del termine.

Eppure un gruppo di associazioni cittadine ambientaliste e no,  tra queste la nostra Associazione Oratoriani Bisceglie, aveva elaborato un progetto inteso a riqualificare l’area come zona di protezione naturalistica e sede di eventi culturali, secondo il significato latino del termine “hortus” che i Romani intendevano come luogo ameno in cui trascorrere del tempo libero. L’orto va inteso nel senso di  parco “culturale” teso a recuperare specie autoctone in via di  estinzione, piante che vanno categorizzate per scopi scientifici e per l’educazione dei visitatori.

La proposta di progetto era stata inviata all’Amministrazione Comunale che però non si è peritata neppure di riscontrarlo, non foss’altro secondo i canoni di un galateo civico di base.

Del resto il finanziamento del progetto era stato fortemente sostenuto in seno al GAL,   affinchè  lo stesso avesse esito positivo, cosa che poi si è verificata,  senza alcun confronto con chi si era adoperato per la buona riuscita del finanziamento.

Per altro c’era stato un incontro preliminare con il Sindaco in cui erano stati esposti gli intendimenti delle associazioni in questione; evidentemente nelle ipotesi delle scelte possibili che, francamente, limitate ad una coltivazione ortalizia  tout-court,  ci sembrano culturalmente limitate, la disponibilità espressa non ha trovato alcuna eco.

A che e a chi servirà coltivare a semplice orto un sito così importante per la città?

Ci piacerebbe ricevere delle risposte che magari non modificheranno la destinazione, ma quanto meno dimostrerebbero la volontà di amministrare la città con il contributo di idee di tutti i cittadini, come sembrava dovesse essere il nuovo corso amministrativo della città.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Operatore e direttore di agenzia funebre, Confcommercio: al via la formazione a Bari e nella Bat

Stanno per partire due percorsi di formazione, uno per Direttore tecnico di impresa funebre (corso Base-Aggiornamento) e l’altro per operatore funebre o necroforo (corso Base-Aggiornamento), così come previsto nel regolamento regionale del 15 marzo del 2015. Ad organizzarli è la Confcommercio di Bari e Bat con il Cat Confcommercio Bari. Coloro i quali intendano svolgere […]

Maltempo: Protezione Civile, domenica con “allerta arancione”

Un nuovo impulso perturbato di origine atlantica investirà domani la nostra regione. La formazione di un’area di bassa pressione  inoltre, causerà un ulteriore rinforzo della ventilazione dai quadranti occidentali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con la Regione Puglia – alla quale spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: