ZÓNA RÒSSE O ZÒNA GGÌALLE? (Zona rossa o zona gialla?) (di Nicola Ambrosino)

Puglia:contagi in continua crescita. Si attendeva che questa regione diventasse zona rossa, ma inconcepibili politiche regionali sulla trasmissione dei dati sanitari, ci hanno fatto diventare “zona gialla”. Tutta una questione di soldi? Mah! Sarà! In ogni caso, dopo Capodanno…sarà peggio!
BUONA LETTURA
Ma tu véde! Véde a cùsse
ìnde a néinde, che na mùsse,
Emigliéine, u “Marescialle”,
n’òve dìtte: “Séte ggìalle!”
Quòse stèmme ‘nda na fùsse
s’aspettòve d’avè u russe,
tutte stèmme, a stu Paiése,
addavère méizze accése!
Giò sendéve r’ambulènze,
avvertéve la mertènze;
e o collasse ògne spetòle
stòve nghènne a stu Natòle.
Ma le sùlte, bèh, badòte,
addavère, a ògne cecòte,
ìnd’a néinde, facén’ apré
re pupìlle a ògne zezé!
E cangènne la questióne…
che nan séme chiù arangióne
che u abbéle ggìalle e vèrde…
sò capéte…lasse pèrde!
Nan me pìgghie abbéle e affènne,
tènde u sacce, a Capedènne…
ggiò nguaiòte do virusse…
stéime arrète tutte russe!
GLOSSARIO DIALETTALE
Véde a cusse = guarda questo
Méizze accése = mezzi uccisi
La mertènze = aria di Morte
Nghènne = in gola, vicino al Natale
Sùlte = soldi
Abbéle = da bile, cattivo sangue
NICOLA AMBROSINO

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

L’avv. Pietro Casella ricorda la visita della Del Re a Bisceglie

L’ avv. Pietro Casella ricorda la visita della Del Re a Bisceglie, gallerista di fama mondiale e suggerisce di leggere questo articolo, pubblicato dalla nostra testata il 3 agosto 2019 (LEGGI QUI), concludendo scrivendo di lei che «per scoprire che il vero potere ed il più grande dei poteri si ciba di una sola parola: […]

Abbraccio alla Vita: “Accanto alla madre” di Clara Scropetta. Presentazione del libro

Essere madre non è un processo che comincia quando la creatura viene alla luce, ma molto prima, comincia nel momento in cui si scopre di essere incinta. Essere madre presuppone, la maggior parte delle volte, essere in grado di affrontare il parto senza medicalizzazione forzata. Purtoppo, però, le ansie e le preoccupazioni di due neogenitori, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: