Saldi in partenza in Puglia. Unionecommercio: “Una beffa per i commercianti”

Anche in Puglia partono i saldi invernali. Un contesto drammatico nel quale parlare di vendite a saldo cioè l’alienazione dei prodotti di stagione rimasti invenduti tuona come una beffa e questo non sfugge all’attenta Associazione pugliese di rappresentanza UNIONECOMMERCIO il cui Presidente Savino Montaruli ha dichiarato: “ho letto le dichiarazioni dell’amico Benny Cambobasso di Confesercenti Puglia il quale parla di errori che graveranno sui commercianti e paventa il rischio che quest’anno i saldi potrebbero essere un “salto nel buio”. Condivido totalmente la riflessione del Presidente regionale ma mi preme sottolineare il fallimento di coloro che non riescono a rappresentare il mondo delle piccole imprese, nonostante le richieste dei commercianti le cui istanze, evidentemente, alla Regione Puglia quelle cosiddette Associazioni storiche di rappresentanza definite le maggiormente rappresentative ma solo sulla carta non sanno né tutelare né tantomeno dimostrano di avere capacità e libertà intellettuale di poter difendere, visto che sono di fatto diventate Socie della politica e delle amministrazioni pubbliche. Sono anni, infatti, che si discute di una profonda revisione della legge regionale sui saldi e della loro liberalizzazione ma evidentemente gli interessi commerciali delle grandi catene di distribuzione, anche all’ingrosso, prevalgono sulla flebile ed inconsistente “difesa” da parte delle Associazioni privilegiate che siedono ai tavoli regionali per grazia ricevuta.

Allora all’amico Benny dico di non parlare in terza persona come se a quei tavoli ci fossero i fantasmi, che pure a volte abbiamo il dubbio ci siano. A quei tavoli siede proprio lui ed i suoi privilegiati consoci quindi la smetta con le ipocrisie e si prenda atto di quell’incapacità promuovendo una profonda revisione del sistema di rappresentanza in quanto i danni finora procurati al piccolo commercio pugliese sono incalcolabili e il completo e totale asservimento alla politica ed ai grandi interessi dei gruppi e lobby di potere porteranno quel sistema di rappresentanza, così come oggi ancora concepito, al collasso totale ed ala sconfitta di intere Categorie, come sta avvenendo anche per gli Ambulanti. In fondo non è strumentale ricordare che mentre impazzava il Coronavirus c’era chi inneggiava alla birra per sconfiggerlo” – ha concluso Montaruli di Unionecommercio – UniPuglia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Dieci candeline per la ditta Marchese La Stampa Di Classe

La ditta Marchese La Stampa Di Classe nasce il 31 luglio 2011, in via Alcide De Gasperi 92 a Bisceglie, con obiettivo principale la fornitura di una vasta gamma di servizi rivolti alla comunicazione. “Sono stati 10 ANNI di obiettivi mirati, scelte e cambiamenti talvolta audaci. L’anniversario che ci vedrà protagonisti nel 2021 è solo una tappa […]

Stop a pesce fresco, scatta fermo pesca

Stop al pesce fresco a tavola per l’avvio del fermo pesca che porta al blocco delle attività della flotta italiana lungo l’Adriatico. A darne notizia è Coldiretti Impresapesca in occasione dell’avvio del provvedimento che dal 31 luglio bloccherà le attività dei pescherecci dal Friuli Venezia Giulia al Veneto, dall’Emilia Romagna fino a parte delle Marche […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: