Rossella Di Liddo Lancia Il Teaser Trailer di ITA I Tipici Anormali

Biografia Rossella di Liddo
L’attrice, Soggettista e Sceneggiatrice biscegliese Rossella Di Liddo ha un percorso artistico di tutto rispetto: insignita al Christian Film Festival nel 2018, una nomination come miglior attrice coprotagonista alla Roma Web Awards. E’ autrice e protagonista nel film di successo Lontane Ma Vicine. E’ stata la degna rappresentante della biscegliesità nella frenetica, eccitante, settimana sanremese dello scorso 2020. ha partecipato, tra i vari ruoli interpretati finora, al cast di “Siete in salvo”, per la regìa di Pupi Avati e anche al primo lungometraggio Neoirrealista del Regista Federico Angi dal titolo: “ITA I Tipici Anormali”.
Biografia Federico Angi
Federico Angi, artista, classe ’95, Cirimidese regista del lungometraggio ITA I Tipici Anormali. Pur non amando parlare di sè stesso, non nega che alcune esperienze lo hanno formato al sogno di sempre: La Regia! Come quando è stato assistente di set per il film: Il Ragazzo Invisibile 2 di Gabriele Salvatores collaborando a stretto contatto con il Direttore Alla Fotografia Italo Petriccione o altri esempi: Assistetti e collaborai al doppiaggio de: “L’ultima ruota del carro” di Giovanni Veronesi presso gli studi di cinecittà a Roma. E’ stato Tecnico Audiovisivo per Videoclip Arti, Lake Como Film Festival, Red Apple International, Digital Flow, Trafile Turconi, Costamp SRL, Boffi Tipografie, MD Dolores Puthod, Reggia di Monza e Orchestra 1813 al Teatro Sociale di Como, oltre che durante gli eventi di Settembre e Ottobre 2015 alla Maison de France di Montecarlo. Ha realizzato il reportage “videopoesie” per il Vittoriale degli Italiani, in omaggio al Vate Gabriele D’Annunzio, collaborando con il presidente Giordano Bruno Guerri. Ha collaborato al progetto di Guerrillia Marketing per Starting Work. Nel 2014 ha
diretto la “Misa Flamenca” di Tito Losada, organizzata dall’associazione Quartieri Tranquilli presso la chiesa di San. Marco (MI) all’interno degli eventi legati al mio film/documentario pluri premiato “29200 PUTHOD L’altra verità della realtà” al quale ha partecipato l’etoile Carla Fracci, in collaborazione con Como Classica; Mentre nel 2015 ha diretto Ferruccio Soleri per due tra le sue ultime apparizioni in scena presso il teatro della Reggia di Monza e il Piccolo Teatro di Milano. Sono stato editor nel Backstage del film “ORO VERDE” di Mohammed Soudani e Backstager ufficiale per Lucky Red nel film di Jacopo Rondinelli: “RIDE” attualmente su Netflix.
Come è nato il Trailer Ufficiale di ITA I Tipici Anormali
Nasce con un pitch di sceneggiatura molto aderente ad una pandemia come quella dei nostri tempi, che ha reso l’anormalità, normale, ovvero: Cosa succederebbe se individui definiti anormali, scoprissero di essere speciali? Dopo la saga fantastica: “Les Voiages Immaginaires”, il noir: “La Scacchiera di Cioccolato” e il pluripremiato: “29200 Puthod”, il regista ha pensato, di realizzare una Commedia dell’assurdo. ITA è la prima opera Neoirrealista e ha un’ispirazione tutta Italiana dal nord al sud e poi per estensione al mondo, coinvolgendo anche attori di importanza nazionale come la biscegliese Rossella di Liddo (scelta fin dai nostri casting milanesi, presso SantaSeveso Atelier nel Dicembre 2017). Le scene in cui appare Rossella sono quella del Corna Musa Circle, un circolo di donne particolari che scoprirete meglio nel film. Per la messa in scena, oltre i differenti elementi ambientalisti e Art Decò si è scelto di virare le tonalità degli interni verso le cromie dei verdi freddi per esaltare il colore associato alla nostra protagonista Dory. Condottiera delle sue Corna Muse verso un abisso di citazioni nascoste che vanno da: “Il Re ed Io” a “James Bond, Cenerentola a Parigi e Il Diavolo Veste Prada” per emergere poi alla luce del sole Neoirrealista, con la marea di film che le scene con Rossella, omaggiano più palesemente, come: “Bianca e Bernie, Moornise Kingdom, Mulan, Harry Potter e il Calice di Fuoco ecc…”. In questo mondo metacinematografico, la Biscegliese Di Liddo, ha voluto raccontare la sua esperienza: “come si era visto nel TEASER Impersono la CMC Ungherese, collaborando con Miriam Cossar e le altre, è stato meraviglioso lavorare sulla coordinazione canto/movimenti. ricordo nitidamente che mentre il fonico ci prendeva il tempo, Federico, il nostro talentuoso cineasta ci spiegò la posizione yoga del guerriero, che avremmo dovuto tenere alla fine della scena e raddrizzava singolarmente i piedi ad ognuna di noi sotto il sole cocente di un anomalo 25 Aprile. Aggiungo che sia nel TEASER che nel TRAILER, la donna è posta in posizione di comando con potere decisionale. Nelle mie scene, ad esempio, ciò veniva simboleggiato dalla forcola scout che le costumiste Miriam Genco e Marialuisa Angi ci hanno fornito nel nostro kit. Io e le mie colleghe fin dai casting di questo lungometraggio, venimmo scelte per i nostri tratti somatici; il regista ha avuto la fortuna di trovare alcune interpreti provenienti da Alaska, India, Cina, Russia e Giappone ma non in tutti i casi è stato così, ecco perché io sono stata associata all’Ungheria e devo dire che con il trucco della MUA Gloria Laviano e l’acconciatura dell’Hair Stylist più celebre di Como, Daniela Vaccaro, penso di esser risultata ancora più realistica, il che era essenziale perché con questa scena il regista voleva omaggiare il celeberrimo circolo di salvataggio S.P.S tratto dal film d’animazione Disney: “Bianca e Bernie”. Concludendo, Le  considerazioni sul progetto, come avrete percepito, sono davvero lusinghiere, un team eccellente con un’armonia di gruppo straordinaria; oltre alla competenza e professionalità del regista Federico Angi tutti hanno contribuito, con bravura, a rendere vincente il progetto che continua a volare alto!”
Trama e Generi
il TRAILER di questo film ha, un’intrinseca teatralità che utilizzando la sigla ossimorica “ITA” non poteva che omaggiare il nostro bel paese, partendo anche dalla sconfinata opera di GOLDONI: “La Trilogia Della Villeggiatura”; dalla quale ho estrapolato e riadattato l’idea del viaggio on the road sulle corde di: Quanto Basta e Come ti rovino le vacanze”. la trama, in sé, è la storia dello svizzero direttore di banca e meticoloso ricercatore di parrucche eccentriche, Alfredo, che dopo il divorzio  da Dorotea, smemorata taccagna, avvocato ed ex capo Scout, è finalmente libero di decidere delle proprie vacanze. L’arrivo inaspettato di Dory e dei loro figliocci Eugenia, l’ipocondriaca vloggher germofobica e Michelangelo, il goffo, creatore visionario, dalla personalità multipla, rovinano i suoi piani. Assieme intraprendono il viaggio verso San Polo D’Enza; dove abita Anastasia Genoveffa Annunziata, la cugina di Michelangelo ed Eugenia, prossima all’altare. Le complicazioni non si limitano al viaggio: arrivati alla fattoria, trovano l’arzilla prozia Gigiona ad accoglierli, eccentrica accumulatrice che soffre di una grave forma di sonnambulismo. Da lei scoprono che il matrimonio, per una serie di sfortunati eventi, è da riorganizzare! Brunildo Cesare Agamennone Pappalardo, lo sposo nappo-americano, non tarda ad arrivare insieme agli altri parenti, complicando il tutto. Gradualmente tutti riscopriranno come ciò che si pensa essere anormale è in realtà speciale! A questo film indipendente multi-genere auguriamo il successo che meriterebbero i nostri sforzi ma non per gloria o peggio per arricchirci, solo per dare a tutti noi la miglior occasione possibile, che ci permetta di approdare ad una produzione per i seguiti di questo primo film che fa parte della saga: TAN Trilogia Anormalità Normali.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Covid: primo parto a Bisceglie da madre positiva

Questa mattina una donna di Trani positiva al coronavirus ha partorito un maschietto, suo secondogenito, con parto cesareo nel covid hospital di Bisceglie: è il primo da inizio emergenza a oggi nella struttura covid della Asl Bat. La donna e suo figlio stanno bene. “Abbiamo fortemente voluto la Ginecologia Covid a Bisceglie per garantire un […]

Legambiente Bisceglie: no ai rifiuti radioattivi, sono pericolosi e altamente inquinanti

Nella storia della nostra terra, come dicono gli amici di Legambiente di Corato, si ricordano i movimenti dal basso, che hanno sempre difeso e combattuto ambiente e territorio. Noi siamo al loro fianco e insieme a tutti i cittadini e associazioni che amano questa terra. Anche per vicinanza geografica e grande attenzione ai destini della […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: