Giornata del dialetto, l’Associazione “Borgo Antico” promuove poesia in filodiffusione

Il prossimo 17 gennaio ricorrerà la nona edizione della Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali”, istituita dall’Unione Nazionale delle Pro Loco per sensibilizzare alla tutela dell’immenso patrimonio linguistico e culturale rappresentato dal dialetto. La dodicesima edizione si svolgerà ovviamente in maniera diversa, dal momento che la pandemia ancora in atto non permetterà l’organizzazione delle manifestazioni e degli eventi a cui i cittadini biscegliesi sono stati abituati negli scorsi anni.

Per questa ragione, l’Associazione “Borgo Antico” di Bisceglie ha coinvolto poeti e appassionati declamatori di liriche dialettali per promuovere la “poesia in filo-diffusione” nel centro storico cittadino. I versi recitati in vernacolo accompagneranno chiunque si troverà a passeggiare nei vicoli della città vecchia sabato 16 e domenica 17 gennaio, dalle ore 18.30 alle ore 20.30 (domenica la filodiffusione sarà attiva anche in mattinata, dalle ore 10 alle ore 13).

Un percorso tra i versi dei poeti del passato e quelli dei nostri giorni. Verranno infatti declamati i versi dialettali degli autori contemporanei Nicola Ambrosino, Lucrezia De Feudis, Nicola Gallo, Demetrio Rigante e Michele Schiavone, ma ampio spazio sarà dedicato anche al ricordo dei grandi poeti che hanno reso immortale Bisceglie attraverso i loro componimenti, come Sergio Di Clemente, Riccardo Monterisi e Francesco Palazzo. Le poesie saranno recitate da: Nicola Ambrosino, Franco Carriera, Lucrezia De Feudis, Natale Di Leo, Nicola Gallo, Angela Garofoli, Michele Schiavone e Antonio Todisco. L’iniziativa è stata resa possibile grazie all’entusiasta partecipazione dei poeti e declamatori biscegliesi, del Circolo Unione, dell’associazione “La Canigghie”, della Compagnia Dialettale Biscegliese, di Pro Loco Unpli e di Confcommercio di Bisceglie.

La poesia dialettale è un paesaggio notturno colpito a un tratto dalla luce”, scriveva Pier Paolo Pasolini, elevando così la più umile e comune maniera di esprimersi, il dialetto, ad una vera e propria lingua in grado di raccontare “i sentimenti più alti e segreti del cuore”. Da Piazza Regina Margherita fino a Piazza Duomo e alla Torre Maestra, nel Borgo Antico di Bisceglie risuoneranno pensieri, parole e suoni in grado di mantenere viva la tradizione dialettale biscegliese e di difendere “l’intraducibilità” di una lingua che, nella sua musicalità, trova il mezzo per suscitare emozioni e far riaffiorare i ricordi.

I cittadini biscegliesi avranno così l’opportunità di festeggiare anche quest’anno la “Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali” in una forma differente e in tutta sicurezza, evitando assembramenti e rispettando le regole che il difficile momento impone.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Premio “Dolmen Poesia”: prorogata scadenza consegna lavori – Ecco i nomi dei giurati

Ancora tre settimane per presentare poesie e componimenti in gara per la prima edizione del Premio “Dolmen Poesia”.   Sarà possibile infatti inviare i propri lavori a info@prolocobisceglie.it entro le ore 14:00 di sabato 10 luglio. Tale proroga è stata decisa dal direttivo della Pro Loco Unpli di Bisceglie, associazione organizzatrice del contest, per dar […]

“Come sorge il sole”, la prima festa della cultura de “La Città possibile”

La prima festa della cultura de “LA CITTÀ POSSIBILE”, la neonata associazione biscegliese, si chiamerà “COME SORSE IL SOLE”. Un titolo che, prendendo spunto dai meravigliosi versi di Emily Dickinson, porta con sé il senso di rinascita umana e culturale tanto desiderate dopo che il tempo aveva sospeso le sue fatiche. Villa Consiglio, dimora storica […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: