Casella-Spina, il Tribunale può attendere. Pace fatta, querela rimessa

Torna il sereno tra l’ex Sindaco Francesco Spina e l’attuale Presidente del Consiglio Comunale Gianni Casella, leader del movimento civico “NelModoGiusto”. Nelle ultime ore una querela tra i due, risalente all’anno 2013 e che li avrebbe visti l’uno contro l’altro in un’Aula di Tribunale  nei prossimi mesi, è stata rimessa dal consigliere comunale Spina.

«Dopo anni di veleni -ha dichiarato l’ex Primo Cittadino-, in cui sono stati strumentalizzati da centri di potere anche vecchi rapporti di amicizia, finalmente comincia una pagina nuova per la politica cittadina. Dopo il chiarimento di Gianni Casella, ho deciso di rimettere una vecchia querela del 2013 con l’accettazione in udienza di Gianni. È’ il momento del dialogo e della pace per costruire un futuro migliore per la nostra comunità lacerata da questo maledetto periodo COVID».

«Remissione querela Spina/Casella anno 2013… il tempo porta con sé le sue verità, le sue giuste dimensioni rendendo attraverso l’utilizzo della saggezza e del buon senso, un comune approdo di esempio, di rispetto tra le parti.. la politica della Vita dovrebbe insegnare che gli errori del passato possono trasformarsi in opportunità, in esempi da seguire che vedono attraverso il dialogo il confronto, il buon esito dei rapporti interpersonali che vengono trasmessi agli altri. In questo momento di pura incertezza e paura comune si rinsaldano i valori veri della Vita, che guardano ad un futuro migliore frutto delle esperienze consolidate, della maturità cresciuta e della necessità di guardare oltre gli steccati, consapevoli della necessità di una priorità che riguarda una COMUNITÀ intera e non circoscritta dai propri egoismi… oggi ha vinto il BUON SENSO, domani da questo si può e deve ripartire…», ha dichiarato, invece, il Presidente del Consiglio Comunale Gianni Casella.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

“Inidonei al servizio” e 5mila euro di multa per gli operatori sanitari che si rifiuteranno di sottoporsi al vaccino

In Puglia se gli operatori sanitari non si sottoporranno al vaccino anti-covid, verranno dichiarati inidonei al servizio “e disposta una sanzione pecuniaria sino a 5.000 euro. E tutto questo ai sensi della legge regionale 19 giugno 2018, n. 27, come integrata nella seduta di ieri, ritenuta costituzionalmente legittima dalla sentenza n. 137 del 2019, relatore Marta Cartabia, […]

Coronavirus, in Puglia 991 positivi e 24 decessi

Oggi in Puglia, su 10.925 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 991 casi positivi: 561 in provincia di Bari, 81 in provincia di Brindisi, 95 nella provincia BAT, 99 in provincia di Lecce, 196 in provincia di Taranto. 2 casi di residenti fuori regione e 4 provincia di residenza non nota […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: