«Ora basta, il 14 riapriamo i locali», a Bari la vibrante protesta delle Partite Iva

La prossima forma di protesta si terrà il 14 febbraio, giorno di San Valentino, quando apriranno le loro attività se non arriveranno risposte concrete a tutela del loro lavoro. Sono i gestori di bar e ristoranti, sale ricevimento, discoteche, fast food ambulanti, titolari e dipendenti di palestre, scuole di ballo e artisti, ambulanti, a partite Iva che sono scesi in piazza oggi a Bari.

A organizzare la protesta è stato il “Coordinamento associazioni e gruppi spontanei di partite Iva” della Puglia che ha presentato sette richieste ovvero proclamazione dello stato di emergenza economica. E sono: piano di esenzione fiscale e risarcimenti integrativi per le perdite subite nel 2020, credito di imposta per i fitti pagati nel corso dell’intero 2020, apertura immediata e sostenibile di tutte le attività in sicurezza per lavoratori ed avventori, immediata erogazione delle casse integrazioni in sospeso, inclusione delle attività rimaste escluse dai ristori per mancanza di fatturato storico, eliminazione della distinzione per codice Ateco prevalente. Le richieste sono state inserite in un documento in cui si richiede anche di “tutelare il diritto al lavoro per tutte le categorie travolte dalla crisi e colpite dalle misure restrittive dei Dpcm del Presidente del Consiglio e del ministero della Sanità”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Ponte Lama, limitazioni alla circolazione stradale fino all’ultimazione dei lavori di messa in sicurezza

Il Sindaco di Bisceglie in data odierna ha firmato un’ordinanza per stabilire limitazioni alla circolazione stradale fino all’ultimazione dei lavori di messa in sicurezza e ristrutturazione del viadotto “Ponte Lama”, recentemente aggiudicati dal Comune di Bisceglie in seguito ad un finanziamento di 5.000.000 di euro ottenuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. Di seguito […]

Diritti umani, dal Midu la solidarietà ai pazienti del Don Uva e alle loro famiglie

E’ vergognoso che in un paese civile succedono fatti vergognosi come quello che è successo all’Istituto Don Uva di Foggia per l’assistenza ad anziani disabili. Ancora una volta la nostra amata terra viene infangata in tutta Italia, a causa di 30 dipendenti sotto inchiesta che hanno usato violenza di ogni tipo sui fragili indifesi disabili, […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: