Protesta a Roma, gli ambulanti incontrano Fico

Una Manifestazione nazionale che ha fatto registrare la presenza di migliaia di ambulanti provenienti da varie regioni d’Italia quella organizzata a Monte Citorio e svoltasi lo scorso giovedì 11 febbraio 2021 a Roma.

Le Associazioni ANA-UGL con il segretario nazionale Marrigo Rosato e CasAmbulanti con il coordinatore nazionale Savino Montaruli sono state ricevute dal Presidente della Camera dei Deputati on. Roberto Fico nel suo ufficio a Montecitorio.

“Un incontro tematico importantissimo e molto proficuo”. Così è stato giudicato dai due rappresentanti delle Associazioni Autonome che hanno relazionato ai manifestanti in piazza l’esito dell’incontro.

Queste le dichiarazioni del coordinatore Montaruli, i cui interventi sul palco romano sono stati molto apprezzati e condivisi: “l’onorevole Roberto Fico ha mostrato grande sensibilità nei confronti della categoria degli ambulanti e si è reso immediatamente disponibile a farsi promotore di trasferire ai competenti Organi istituzionali ed ai responsabili dei Dicasteri interessati le richieste formalizzate in un documento ma anche dettagliatamente relazionate nel corso dell’incontro che è durato oltre venti minuti. Io e l’amico Rosato di Ana-Ugl abbiamo ribadito la necessità di ottenere immediatamente le risposte tanto attese dagli oltre 170mila ambulanti italiani in fortissimo stato di agitazione per le conseguenze derivanti dalla crisi economica e da un anno anche dalla pandemia sanitaria. Come CasAmbulanti abbiamo chiesto al Presidente Fico la riattivazione dei Tavoli già istituiti alcuni anni fa presso il Ministero dello Sviluppo Economico e presso quello dell’Economia e delle Finanze, ai quali CasAmbulanti è già accreditata, in modo da completare l’iter burocratico, tecnico e legislativo per giungere alla riforma del settore attraverso la semplificazione fiscale e tributaria con il riconoscimento dello Status di Categoria Disagiata per le oggettive condizioni in cui sono costretti ad operare gli ambulanti nelle aree mercatali all’aperto e gli operatori specializzati in fiere, feste patronali e manifestazioni locali i quali chiedono di lavorare essendo completamente fermi da oltre un anno a causa delle soppressione forzata delle suddette manifestazioni. L’onorevole Fico ha chiesto di inviargli direttamente un documento formale contenente le richieste sottoposte alla sua attenzione, cosa che ho personalmente fatto venerdì 12 febbraio, così come hanno altresì fatto i colleghi dell’altra Associazione presente all’incontro romano” – ha concluso Montaruli.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlat

Con il nuovo Dpcm in dad tre alunni su quattro

Per effetto del nuovo Dpcm, oltre 6 milioni di studenti potrebbero tornare a seguire le lezioni da casa, il doppio di oggi. Non si verificava dal lockdown del 2020 una chiusura così forte: 2 milioni e 700 mila bambini della scuola dell’infanzia e primaria, un milione e 200mila alunni delle medie e 2 milioni e […]

Iraq: i caldei di Babilonia attendono la visita del Papa

 Il Papa sarà in Iraq dal 5 all’8 marzo dopo quindici mesi di sospensione dei viaggi apostolici a causa della pandemia da Covid 19. Si tratta del primo pellegrinaggio in assoluto del capo della cristianità in Mesopotamia. L’occasione è utile per raccontare alcuni aspetti della complessa situazione religiosa che il Pontefice incontrerà nel paese asiatico […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: