Covid: Puglia chiede aiuto a medici su vaccini

Con quasi 300mila dosi di vaccino anti Covid nei magazzini pugliesi, adesso serve lo scatto di reni nella campagna: è quello che chiede il governatore pugliese, Michele Emiliano, che oggi ha incontrato in videoconferenza, assieme all’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco, 300 medici di famiglia. A loro ha domandato un aiuto per accelerare soprattutto con le vaccinazioni a domicilio a over 80, disabili e fragili. “Per accelerare la campagna vaccinale serve il contributo fondamentale, diagnostico e di vicinanza, dei medici di base che meglio di noi riconoscono le fragilità dei propri assistiti. Serve uno sforzo intenso anche per le vaccinazioni a domicilio dove le aspettative devono essere assolutamente soddisfatte”, ha sottolineato Emiliano.

Il vaccino è l’arma per bloccare la pandemia che continua a correre in Puglia, anche se oggi si è registrato un leggero rallentamento, infatti su 15.730 test, record dal 2020, sono stati registrati 1.255 casi positivi: 400 in provincia di Bari, 157 in provincia di Brindisi, 119 nella provincia Bat, 57 in provincia di Foggia, 193 in provincia di Lecce, 323 in provincia di Taranto, 4 casi di residenti fuori regione, 2 casi di provincia di residenza non nota. Nel Tarantino continua ad essere rilevato un numero di contagi molto elevato. Sono 43 i decessi inseriti nel bollettino: 18 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 3 in provincia Bat, 11 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 7 in provincia di Taranto. In tutto in Puglia hanno perso la vita 5.044 persone. Sono 147.829 i pazienti guariti mentre ieri erano 146.892 (+937); sono 50.729 i casi attualmente positivi mentre ieri erano 51.220 (-91). I pazienti ricoverati sono 2.297, altro record dall’inizio dell’emergenza, mentre ieri erano 2.240 (+37). Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio della pandemia è di 203.602. Gli ospedali continuano ad essere “sotto stress”, il numero dei pazienti non accenna a ridursi e tra le strutture in sofferenza anche il nuovo ospedale Covid in Fiera a Bari che, secondo i sindacati, sarebbe “al collasso”.

“La pressione sulle terapie intensive della struttura mette in ginocchio tutti gli operatori sanitari, impegnati a gestire un numero di pazienti altamente critici di gran lunga superiore rispetto a quelli preventivamente attivati come posti di rianimazione”: denunciano i sindacati medici Anaao Assomed, Aaroi Emac, Cimo, Fassid, Cisl Fp, Cgil Fp, Fvm, Fesmed e Uil Fpl, in un documento inviato, oltre che al governatore Michele Emiliano, e all’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco, anche al ministro della Sanità, Roberto Speranza, alla Protezione civile, al prefetto di Bari, Antonella Bellomo e al sindaco della Città Metropolitana di Bari, Antonio Decaro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

“Bisceglie d’Amare”: è necessario scegliere un’alternativa ad Angarano

«Potremmo definire “molto acceso” il dibattito politico che si è venuto a creare negli ultimi giorni. Avremmo preferito che venissero dedicate più energie alla gestione della crisi sanitaria ed economica. Riteniamo di poter ben rappresentare questo modus operandi da noi auspicato, pur non facendo parte degli organi amministrativi: le numerose proposte, sempre documentate e realizzabili, […]

Il bilancio di previsione arriva in Consiglio comunale, da lunedì 26 aprile inizia la discussione

Il presidente del consiglio comunale Gianni Casella ha convocato la massima assise cittadina per i giorni 26 e 28 aprile alle ore 15 in modalità videoconferenza. All’ordine del giorno 5 punti. Tra questi “Esame ed approvazione bilancio di previsione finanziario per il triennio 2021-2023 e relativi allegati”. La seduta si aprirà con la comunicazione degli […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: