C’era un accordo preelettorale tra Casella e Angarano? Spina: «Gravi le affermazioni di Naglieri»

«Naglieri denuncia un accordo, un vero e proprio “Pactum Sceleris” tra Angarano e Casella a danno della mia amministrazione comunale, posto a base delle elezioni a Sindaco di Angarno e poi della nomina effettuata da Angarano & C. del Presidente del Consiglio Comunale.

Questa L’accusa di Naglieri a Gianni Casella: “lanciammo il programma politico di Angelantonio Sindaco di Bisceglie, ci furono numerosi incontri diretti a definire un percorso principale e quelli sussidiari che avrebbero garantito una crescita ed uno sviluppo democratici, coesi tanto nello spirito quanto nelle intenzioni. Nonostante le rinunce ed il ballottaggio l’intera coalizione di maggioranza diede fede all’impegno assunto, convergendo sull’unica nomina di Presidenza alternativa al passato, convinti che l’azione di opposizione della legislatura precedente, particolarmente unita e convergente su Angelantonio Angarano, avrebbe potuto generare e sostenere un percorso coerente rispetto a quel passato così chiacchierato”. La gravità delle parole di Naglieri richiedono presto una presa di posizione da Parte del Sindaco e del Presidente del Consiglio, che oggi rappresenta l’istituzione consiliare e deve avere la giusta serenità di svolgere il suo mandato nel giusto equilibrio come sta facendo. Sarebbe grave che Sindaco e Presidente del Consiglio, le due istituzioni di garanzia e di rappresentanza comunale, abbiano fatto un accordo sulla pelle dei cittadini per dividersi già prima della campagna elettorale i ruoli di sindaco e presidente del consiglio (facendo finta di combattere al ballottaggio), solo per marciare volgarmente contro il sottoscritto e la sua coalizione. Se, invece, non c’era un accordo tra Angarano e Casella e la denuncia di Naglieri è’ solo un’invenzione per intimidire Gianni Casella minacciandone la revoca, al presidente del consiglio comunale va la mia solidarietà istituzionale quale consigliere comunale. In ogni caso, il gusto e il piacere di essere stato sempre fuori da giochi di palazzo e inciuci trasversali fatti sulla pelle dei cittadini!».

Lo scrive il consigliere comunale Francesco Spina in una nota.

Ecco cosa ha scritto l’assessore Gianni Naglieri: «Quando lanciammo il programma politico di Angelantonio Sindaco di Bisceglie, ci furono numerosi incontri diretti a definire un percorso principale e quelli sussidiari che avrebbero garantito una crescita ed uno sviluppo democratici, coesi tanto nello spirito quanto nelle intenzioni. Nonostante le rinunce ed il ballottaggio l’intera coalizione di maggioranza diede fede all’impegno assunto, convergendo sull’unica nomina di Presidenza alternativa al passato, convinti che l’azione di opposizione della legislatura precedente, particolarmente unita e convergente su Angelantonio Angarano, avrebbe potuto generare e sostenere un percorso coerente rispetto a quel passato così chiacchierato. E invece, un incomprensibile reflusso ha trasformato i condivisori delle censure del passato nella principale fonte di opposizione, con tutte le sue seconde, terze, quarte file fino alla claque finale. La pandemia ed i suoi effetti sul territorio avrebbero meritato approcci sistemici maturi e responsabili, nella realtà sono diventati il pretesto per dare libero sfogo ad un mal di pancia lungo circa 20 anni. Personalmente, ritengo che il tempo perso appartiene solo ai perdenti e che quello utile necessita solo di personalità che utilizzino i fatti traguardati».

One thought on “C’era un accordo preelettorale tra Casella e Angarano? Spina: «Gravi le affermazioni di Naglieri»

  1. Se vi fate la infamie fra voi……come può la gente seria votarvi?
    Voi non siete umani,siete scarti umani,in un momento di massima concentrazione per la famiglia,questi che fanno? Parlano di inciuci fra loro per le elezioni.
    Siete certi che starete fuori?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Vittime del terrorismo, Sindaco: «Deposto corone di alloro in via Aldo Moro e in via Martiri di via Fani»

«Il 9 maggio del 1978 fu uno dei giorni più bui della nostra Repubblica. Aldo Moro dopo 55 giorni di agonia fu ritrovato morto in via Caetani. Nello stesso giorno fu rinvenuto il cadavere del giornalista Peppino Impastato a Cinisi». Esordisce così il Sindaco Angarano, che questa mattina ha ricordato le vittime del terrorismo. «Oggi […]

Moro: Galantino (FdI), Battaglie contro terrorismo e criminalità organizzata devono unire, non dividere

Bisceglie, 9 Maggio. “Oggi insieme al Sindaco Angelantonio Angarano per ricordare i fatti di 43 anni quando le Brigate Rosse lasciarono il corpo dell’onorevole Aldo Moro crivellato di colpi in una Renault 4 rossa in via Caetani a Roma. La politica italiana veniva privata, di uno dei più grandi, straordinari personaggi culturali e politici della […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: