Emiliano, firmato protocollo vaccini con categorie professionali e produttive

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, alla presenza dell’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco, del direttore del Dipartimento salute Vito Montanaro e del dirigente della Protezione Civile Mario Lerario, ha sottoscritto questa mattina il Protocollo per le vaccinazioni in azienda con Confindustria Puglia, Cgil Puglia, Cisl Puglia, Uil Puglia, Ugl Puglia, Confartigianato Puglia, Confcooperative Puglia, Cna Puglia, Confesercenti Puglia, Claai Puglia, Confcommercio, Confapi, Legacoop, Cia Puglia, Coldiretti Puglia, Confagricoltura Puglia, Confederazione Produttori Agricoli, Confsal, Cisal, Asstra, Anav, Confimi e le eventuali Associazioni Territoriali aderenti al Protocollo d’intesa. Emiliano ha spiegato: “Abbiamo sottoscritto questo Protocollo d’Intesa con tutte le categorie produttive della Puglia in tutti i settori perché ciascuna azienda o gruppi di aziende potranno, attraverso i loro medici competenti, attuare la vaccinazione dei propri dipendenti. L’obiettivo, in linea con gli indirizzi del governo, è accelerare così l’immunizzazione di chi è esposto al rischio, lavorando in ambienti dove ci sono gruppi di persone e quindi assembramenti”.

Emiliano ha proseguito: “Questa cosa consentirà da un lato di accelerare le operazioni di vaccinazione dei più giovani e dall’ altro di mettere in sicurezza sistemi aziendali per evitare che siano colpiti dalla malattia e quindi che siano messi in condizione di non poter operare. Ovviamente il sistema delle vaccinazioni aziendali potrà andare a regime solo nel momento in cui avremmo esaurito la vaccinazione di tutte le persone che, per età o per fragilità, sono in una situazione di particolare rischio di ospedalizzazione, quando cioé avremo sostanzialmente vaccinato tutti i fragili e la maggioranza di tutte le persone da sessant’anni in poi”. L’assessore regionale Lopalco ha detto: “Oggi inizia un nuovo capitolo della campagna vaccinale. Fino ad ora infatti il principio che ha ispirato il governo nella definizione delle priorità è stato un principio molto chiaro, legato cioè alle fragilità delle persone e all’età anagrafica. Occorreva vaccinare quelli che più facilmente potevano finire in ospedale. In questo mese molto probabilmente arriveremo a vaccinare la stragrande maggioranza di chi ha più di sessant’anni ed inizieremo a vaccinare i cinquantenni”.

Lopalco ha continuato: “Questa è la motivazione che in qualche maniera ha convinto la struttura commissariale a dare un’accelerata alla campagna vaccinale. Mettiamo cioè in sicurezza tutte le fasce più fragili e poi iniziamo a vaccinare le fasce di età lavorative. Ecco perché in questo momento noi firmiamo questo protocollo. Non sarà un percorso semplicissimo ma ce la faremo insieme, anche attraverso la disponibilità del Dipartimento. Occorrerà uno sforzo organizzativo da parte di tutti, anche per definire insieme i dettagli, e cioè come distribuire il vaccino, quante dosi e con che ritmo. Dobbiamo capire prima di tutto quanti vaccini avremo nei prossimi mesi. Sarà un work in progress che faremo insieme con pazienza e flessibilità”. Quindi l’assessore pugliese ha concluso: “La cosa certa e’ che, con la firma di questo Protocollo, potremo dare finalmente una svolta per la ripartenza di tutto il settore produttivo, grazie all’impegno di tutte le categorie”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Puglia: Regione stanzia 100 milioni per rifare strade Comuni

Cento milioni per rifare strade comunali, marciapiedi, piazze e aree pedonali: è la cifra che la Regione Puglia ha stanziato a fondo perduto in favore di tutti i Comuni pugliesi. La novità è stata presentata questa mattina dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dal vicepresidente Raffaele Piemontese, e dal presidente di Anci Puglia, Domenico […]

Fisco. Ricchiuti (FdI): da FdI lotta contro redditometro, ennesima beffa ad autonomi

“In meno di un decennio la sinistra è stata capace di decimare con le sue politiche fiscali vessatorie il lavoro autonomo. Le ultime rivelazioni dell’Istat  parlano chiaro: per la prima volta il numero delle Partite Iva è sceso sotto i 5 milioni. Il dato più basso dall’inizio delle rilevazioni, non succedeva dall’inizio delle serie storiche dello […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: