Sistema Garibaldi, dal 18 al 21 giugno “Il tempo dei piccoli Sciam!”

In qualsiasi luogo siate e in qualsiasi momento dell’anno, se il venerdì mattina appoggiate l’orecchio a terra, se pur all’inizio vi sembrerà di sentire solo silenzio, prestate attenzione: dopo un po’, comincerà a sentirsi una specie di bisbiglio, che poi diventerà un ronzio per esplodere infine in un grande, potente, irrefrenabile brusìo. È un miscuglio di proteste in tutte le lingue del mondo: Sciam! Andiamo! È ora! È ora di riprenderci questo pianeta, prima che sia troppo tardi. È già tardi! Apparentemente gli adulti fanno finta di non darci troppo peso, ma in realtà non sono poi così tranquilli che ogni venerdì in tutto il globo ci sia questa grande mobilitazione, perché se dapprima erano pochi, qualche centinaio, presto sono diventati migliaia e ormai sono milioni, bambine e bambini, ragazze e ragazzi che manifestano davanti ai luoghi del potere… Questo ci dice la plastica in mare! Questo ci dicono gli animali! È ora di trasformare le nostre abitudini! È ora di trasformare qualcosa dentro di noi… E allora, come uno sciame gigante di api, pronte a impollinare la terra: Sciam!

 

Mentre sui manifesti dipinti in piazza dai i bambini campeggiano gli articoli della Carta dei diritti delle piante ispirata a La nazione delle piante di Stefano Mancuso, la prima giornata dell’edizione 2021 de il tempo dei piccoli, venerdì 18 giugno, dichiara i suoi intenti da subito, in maniera chiara e precisa: la Terra ci sta a cuore! Ed è dai giovani e con i giovani che lo SCIAM! prende vita. Si parte alle 10 del amttino, in piazza Vittorio Emanuele con un appuntamento dal titolo significativo, Scacco al futuro, frutto di un laboratorio della squolaGaribaldi con i ragazzi del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”: una grande scacchiera, due schieramenti, un flash mob per inventare strategie e non darla vinta a chi vuole un futuro grigio nel nostro pianeta. Ci si trasferisce subito dopo, alle 11, sotto il Municipio per una manifestazione ambientalista nella cornice dei Fridays for future con la presenza di Giorgia Mira, nostra ‘Greta Thunberg’, pronta a rappresentare la voce dei ragazzi impegnati nella battaglia planetaria in difesa della Terra, mentre nel cortile del Castello sarà riprodotto in filodiffusione proprio il famoso discorso di Greta all’ONU.

 

Il pomeriggio, alle 17,00, parte dal cortile della Scuola Salnitro, già protagonista del prologo, con un’intensa offerta laboratoriale. Accanto alla postazione mobile di Radio Città Bambina, realizzata grazie all’ospitalità del Teatricolo dei Fattapposta, anche quest’anno si attuerà una vera azione di Street Kids Art Crew: guidati da Marta Balu e Valentina Vecchio, i bambini dipingeranno una grande arca piena di animali fantastici. Federica Soldani insegnerà a modellare l’argilla per evocare, anche nel suo caso, un mondo nuovo, nel quale, con Cozinha Nomade, si potranno immaginare città nuove, o semplicemente risvegliare quelle che già abitiamo… generalmente assopite. Gli ultimi due appuntamenti del pomeriggio “Salnitro” saranno teatrali e dedicati ai piccolissimi: Gianna Grimaldi ne Il tempo della lumaca (ore 18,30) lascerà scoprire ai bambini, attraverso la narrazione, un tempo più lento, un tempo più piccolo, mentre Letizia Fata sarà “in scena”, sotto i pini, con Il mio giardino (ore 19,30) per osservare e approfondire il tempo della creazione della vita, dal germoglio alla prima fogliolina.

Chiusura alle Vecchie Segherie Mastrototaro, per il primo appuntamento letterario del festival, dedicato in questo caso agli adulti. Mattia Zecca, interrogato da Viviana Peloso, presenterà il suo libro Lo capisce anche un bambino. Storia di una famiglia inconcepibile, edito da Feltrinelli. Cosa c’è di più semplice da capire dell’amore? Eppure il romanzo ci spiega come l’amore non è poi così semplice quando non rispetta i canoni imposti. Mattia Zecca ha scritto un libro sulla sua famiglia, composta da due papà e due figli che, per il nostro Stato, non possono considerarsi fratelli. Lorenzo ha un papà, Martino un altro papà, che hanno scoperto di amarsi, ma restano quattro conviventi sotto lo stesso tetto.

L’intero programma con le necessarie prenotazioni su http://www.iltempodeipiccoli.it.

 

Il tempo dei Piccoli è un’iniziativa di sistemaGaribaldi ideata da Carlo Bruni e sostenuta dalla Città di Bisceglie, dalla Regione Puglia e dal Teatro Pubblico Pugliese.

Diretto da Bruno Soriato, ha radici in diversi luoghi della città grazie alla complicità di Arena Parco delle Beatitudini, Castello di Bisceglie, Giardino Botanico Veneziani, IV Circolo Don Pasquale Uva, Vecchie Segherie Mastrototaro e si trasforma in un esperimento collettivo grazie al gruppo di lavoro della sQuolaGaribaldi che con passione lo sta coltivando, formato da: Nunzia Antonino, Marta Maria Balu, Livio Berardi, Carlo Bruni, Donato Di Clemente, Massimiliano Di Corato, Rossana Farinati, Pietro Naglieri, Giuseppe Pesce, Bruno Ricchiuti, Mariablu Scaringella, Laura Soldani, Beppe Strafella, Annabella Tedone, Valentina Vecchio. Si sono stretti attorno all’idea di una città bambina da coltivare insieme con sorprendente slancio e gratuità i fantastici Archimisti tutti matti per l’occasione tramutati in ArcaTetti, Giancarlo Attolico con lo sciame di BinarioZero, Adriana Baldini e Silvia Cappa di Abbraccio alla Vita, Biciliae, Cozinha Nomade, Angela Di Ceglie e Ferdinando Di Cesare con ZonaEffe, Tomas Di Terlizzi alla guida dei Piccoli Fotoreporter,  i Fattapposta, Rosa Leuci e Presidio del libro/Circolo dei Lettori, Giuseppe Maenza, Mosquito, Muvt, Viviana Peloso. Questa edizione si realizza anche grazie al sostegno di Granoro, Sefa srl, Brini Legnami, Farmacia Malcangio, FloatArt Experience, Pedone Ferramenta, Camping La Batteria e Apulia Food Academy, nonché alla straordinaria disponibilità di molte realtà, tra cui gli insegnanti e il personale del IV Circolo, i ragazzi del laboratorio del Liceo “L. Da Vinci” e le insegnanti e gli alunni del Service Learning e della Scuola Senza Zaino.

 

Informazioni e botteghino:

Il tempo dei piccoli lo facciamo insieme: chiediamo pazienza e collaborazione per renderlo possibile!

Molte iniziative sono gratuite o con una quota di partecipazione molto contenuta. Per tutte le iniziative è necessaria la prenotazione o l’iscrizione, che sarà possibile effettuare fino a esaurimento posti. Per iscriversi ai laboratori o prenotarsi agli spettacoli è necessario compilare il modulo reperibile sul sito. Per tutte le attività è necessario attenersi alle disposizioni per l’emergenza sanitaria, in particolare rispettando il distanziamento sociale ed effettuando l’accesso muniti di mascherine.

 

INFO

http://www.iltempodeipiccoli.it    |   fb: Teatro Garibaldi, La città bambina |   info@iltempodeipiccoli.it

371 118 9956 (dal lunedì al venerdì 10:00-13:00/15:00-18:00)

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Luna Nova Band e la grande canzone napoletana il 5 agosto nel quarto appuntamento del “Blu Festival”

 Fedele alla matrice di una rassegna live dal programma versatile per generi, influenze e stili, il “Blu Festival” propone questa settimana il suo quarto appuntamento all’insegna dei pezzi più celebri della canzone napoletana. Giovedì 5 agosto (ore 21.30) sull’imponente trimarano ormeggiato presso Bisceglie Approdi, nel cuore del porto turistico, si esibirà infatti la Luna Nova […]

La Tienamente Band in concerto il 6 agosto

Una storia di musica ed amicizia lunga 13 anni. Un viaggio nella musica italiana d’autore dove in un’ora e mezza di live vengono omaggiati tanti autori: da Capossela a Silvestri, da Vasco a Ligabue, Rino Gaetano, De Andrè, Pfm, Nomadi, Vecchioni, Zucchero, Bennato, Giuliano Palma, Tiromancino e chiaramente, Francesco De Gregori. Consisterà in questo l’esibizione […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: