Migliaia di imprese rischiano il default. “Commercialisti” soluzione praticabile

«A volte avere ragione non dà alcuna soddisfazione. In questo caso, addirittura aumenta la preoccupazione. Ora, infatti, anche lo studio elaborato dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti conferma l’allarme che l’Occ Trani”, l’associazione che mette insieme gli ordini professionali degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Trani, aveva lanciato nei mesi scorsi, nel bel mezzo della emergenza economica rinveniente da quella sanitaria, sul destino di migliaia di piccoli imprenditori, soprattutto quelli sotto soglia o del comparto agricolo e tante, tantissime famiglie che rischiavano l’insolvenza e di essere trascinati nella spirale perversa dell’usura». E’ quanto sottolineato dal coordinatore dell’Occ Trani, nonché presidente dell’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Trani, Antonello Soldani, subito dopo la diffusione dello studio elaborato dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti.

La fotografia scatta a livello nazionale è drammatica: «Circa 371.500 imprese non fallibili, pari al 29,3% del totale di questa tipologia di imprese, potrebbero trovarsi in grave difficoltà economica nel corso del 2022. Si tratta di piccole imprese che danno però lavoro a oltre 445 mila dipendenti».

Lo studio, però, va persino oltre: i commercialisti temono anche un drammatico «effetto “bolla” generato su queste realtà imprenditoriali dalle misure di sostegno pubblico: se da un lato non si è ancora registrata un’esplosione di insolvenze aziendali, dall’altro lato, considerata la temporaneità degli interventi, appare altamente probabile che si concretizzi un aumento del rischio di solvibilità legato alla progressiva riduzione dei sostegni economici. È accertato, infatti, che un elevato campione di imprese versava in situazioni di crisi già prima di essere travolta dall’ondata pandemica, il che rende ancor più verosimile ipotizzare un incremento delle insolvenze una volta che le misure di sostegno – tramite le quali, realtà già deteriorate sono rimaste in vita – verranno allentate».  

Il confronto territoriale mostra differenze significative solo nel caso del calo di fatturato. «Mentre, infatti – si legge nello studio -, i commercialisti che dichiarano questo tipo di impatto per il 25% ed oltre delle imprese non fallibili loro clienti è pari al 61,7%, lo stesso dato scende al 57,2% al Centro-nord e sale al 70,5% al Sud con un divario di 13,3 punti percentuali». 

«I dati che vengono rilevati da questo studio – sottolinea Antonello Soldani – confermano esattamente le previsioni rilanciate sul finire dello scorso anno dal nostro Occ Trani. Una situazione ben nota già prima della pandemia: l’esplosione dell’utilizzo del credito al consumo, ma anche le repentine perdite della capacità di reddito per frequenti crisi aziendali, il peso delle imposte che strangolano le piccolissime aziende, quelle personali e familiari, sempre più spesso causano l’incapacità di far fronte alle situazioni debitorie con Istituti di credito, finanziarie e persino con lo Stato. Oggi, fortunatamente, le risorse messe in campo dai governi per fronteggiare la crisi, hanno dato una boccata d’ossigeno a imprese e famiglie. Ma con il ritorno alla normalità ed il venir meno di questi sostegni, il pericolo “tracollo” è dietro l’angolo».

«L’epilogo – insiste Soldani – sembra già tracciato: l’imprenditore o le famiglie in difficoltà tentano la via del ricorso a piani di ristrutturazione del debito attraverso la contrattazione diretta con gli stessi istituti creditori verso i quali sono indebitati. Cosa che genera, a sua volta, una spirale sempre più gravosa da cui difficilmente si riesce ad emergere e talvolta si giunge anche nelle mani degli usurai. Anche il Prefetto della Bat, Maurizio Valiante, nelle scorse settimane ha convocato un vertice con forze dell’ordine, rappresentanti del mondo dell’impresa, sindacati, associazioni professionali e lo stesso Occ Trani, proprio per affrontare in modo organico il tema del rischio-usura. In proposito rinnovo il mio appello ai soggetti non fallibili, quelli del settore agricolo, imprenditori sotto soglia e quelli indebitati: non entrate nel mondo dell’usura perché le soluzioni legali ai problemi di carattere economico e finanziario ci sono. Basti pensare alla legge del 27 gennaio 2012, n. 3, ribattezzata “Legge Salva-Suicdi” con la quale si è disciplinato una nuova tipologia di concordato per comporre le crisi di liquidità del singolo debitore, al quale non si possono applicare le ordinarie procedure concorsuali; o ancora alla legge che tutela della prima casa. Si tratta della cosiddetta “Legge Blocca Aste”, entrata in vigore il 25 dicembre 2019, che prevede che il debitore possa accordarsi con la banca per richiedere la rinegoziazione del mutuo, oppure chiedere un finanziamento ad una banca terza per estinguere quello già in essere. Ma il modo più semplice è proprio quello di rivolgersi con fiducia all’Occ di Trani. Troveranno Commercialisti e Avvocati a disposizione per studiare il miglior piano possibile per rientrare dal sovraindebitamento. Una soluzione che ha già salvato imprese e famiglie sull’orlo del baratro e che potrà davvero essere uno strumento fondamentale in vista delle difficoltà economiche cui stiamo andando incontro nel 2022 come dimostra lo studio della Fondazione Nazionale dei Commercialisti».

I dati risultanti dallo studio-sondaggio

Commercialisti del campione per i quali il 25% e più delle loro imprese clienti ha subito l’impatto negativo della pandemia 

Modalità di risposta 

Italia 

Centro-Nord 

Sud 

Ricorso a sovraindebitamento 

2,4% 

1,4% 

4,1% 

Ricorso a soluzioni stragiudiziali 

2,8% 

2,5% 

3,4% 

Rinegoziazione canone di locazione 

26,7% 

28,9% 

22,8% 

Calo di fatturato 2020 > 30% 

61,7% 

57,2% 

70,5% 

Ricorso a prestiti garantiti 

59,7% 

60,5% 

57,4% 

Ricorso ad ammortizzatori sociali 

57,5% 

58,3% 

55,6% 

Imprese attualmente in stato di grave difficoltà economica 

46,8% 

39,5% 

61,7% 

Stima imprese in sovraindebitamento entro il 2021 

8,8% 

6,5% 

13,1% 

Stima imprese in stato di grave difficoltà economica nel 2022 

46,6% 

42,2% 

56,0% 

 

Tabella 1 – Quante imprese commerciali non fallibili (sottosoglia) hai tra i tuoi clienti?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

9,9%

8,6%

12,2%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

29,8%

31,0%

27,5%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

21,7%

21,7%

21,8%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

16,8%

16,8%

16,7%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

10,9%

11,6%

9,2%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

7,6%

7,6%

7,7%

Tutte

3,4%

2,7%

5,0%

Da abbastanza a tutte

60,3%

60,4%

60,4%

Tabella 2 – Quante imprese agricole hai tra i tuoi clienti?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

60,3%

67,2%

46,0%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

34,3%

29,4%

44,5%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

3,8%

2,7%

6,3%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

0,6%

0,2%

1,1%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

0,7%

0,2%

1,6%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

0,3%

0,2%

0,5%

Tutte

0,1%

0,1%

0,0%

Da abbastanza a tutte

5,4%

3,4%

9,5%

Tabella 3 – Quante di queste imprese, dall’inizio della pandemia a oggi, hanno cessato la propria attività?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

51,9%

53,5%

48,6%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

43,9%

43,4%

44,6%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

3,2%

2,6%

4,7%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

0,6%

0,1%

1,6%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

0,3%

0,2%

0,5%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

0,2%

0,2%

0,0%

Tutte

0,0%

0,0%

0,0%

Da abbastanza a tutte

4,3%

3,1%

6,8%

Tabella 4 – Quante di queste imprese, dall’inizio della pandemia a oggi, hanno fatto ricorso alle procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento e di liquidazione previste dalla legge n. 3/2012?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

90,9%

92,5%

87,8%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

6,7%

6,0%

8,1%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

1,2%

0,9%

1,8%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

0,7%

0,4%

1,1%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

0,2%

0,0%

0,5%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

0,2%

0,0%

0,5%

Tutte

0,2%

0,1%

0,2%

Da abbastanza a tutte

2,4%

1,4%

4,1%

Tabella 5 – Quante di queste imprese, dall’inizio della pandemia a oggi, hanno optato per soluzioni stragiudiziali per risolvere la loro crisi?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

82,3%

83,1%

81,3%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

14,9%

14,5%

15,3%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

1,6%

1,3%

2,0%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

0,2%

0,2%

0,0%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

0,4%

0,1%

0,9%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

0,4%

0,4%

0,2%

Tutte

0,3%

0,3%

0,2%

Da abbastanza a tutte

2,8%

2,5%

3,4%

Tabella 6 – Quante di queste imprese, dall’inizio della pandemia a oggi, hanno chiesto e ottenuto la rinegoziazione del canone di locazione?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

23,5%

19,6%

31,2%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

49,8%

51,5%

46,0%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

18,2%

19,7%

15,6%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

4,5%

5,1%

3,2%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

2,1%

2,0%

2,3%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

1,2%

1,3%

0,9%

Tutte

0,8%

0,8%

0,9%

Da abbastanza a tutte

26,7%

28,9%

22,8%

Tabella 7Quante di queste imprese hanno subito un calo di fatturato nel 2020, rispetto al 2019, superiore al 30%?

Modalità di risposta

Italia

Centro-nord

Sud

Nessuna

4,9%

5,0%

4,3%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

33,5%

37,8%

25,2%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

41,1%

39,8%

43,5%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

12,7%

10,6%

16,9%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

4,1%

3,9%

4,7%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

2,4%

1,8%

3,6%

Tutte

1,4%

1,2%

1,8%

Da abbastanza a tutte

61,7%

57,2%

70,5%

Tabella 8 – Quante di queste imprese, dall’inizio della pandemia a oggi, hanno chiesto ed ottenuto prestiti garantiti a norma del DL Liquidità?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

7,9%

7,2%

9,2%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

32,5%

32,3%

33,3%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

31,2%

32,4%

28,6%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

16,9%

17,6%

15,5%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

6,7%

6,5%

6,8%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

4,0%

3,4%

5,2%

Tutte

0,9%

0,7%

1,4%

Da abbastanza a tutte

59,7%

60,5%

57,4%

Tabella 9 – Quante di queste imprese, dall’inizio della pandemia a oggi, hanno fatto ricorso ad ammortizzatori sociali?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

11,6%

11,0%

12,8%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

30,9%

30,7%

31,5%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

29,9%

30,8%

28,4%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

15,7%

15,9%

14,6%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

6,2%

6,8%

4,7%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

4,4%

4,0%

5,2%

Tutte

1,4%

0,8%

2,7%

Da abbastanza a tutte

57,5%

58,3%

55,6%

Tabella 10 – Quante di queste imprese, a causa della crisi Covid-19 e nonostante gli aiuti del governo versano oggi in uno stato di grave difficoltà economica?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

12,4%

14,5%

8,6%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

40,7%

46,1%

29,7%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

27,6%

25,7%

31,3%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

10,9%

8,3%

16,4%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

4,5%

2,9%

7,4%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

2,5%

1,4%

4,5%

Tutte

1,4%

1,1%

2,0%

Da abbastanza a tutte

46,8%

39,5%

61,7%

Tabella 11 – Quante di queste imprese stimi che, nel corso dell’anno corrente, potranno accedere alle procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento e di liquidazione del patrimonio previste dalla legge n. 3/2012?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

49,1%

52,0%

43,2%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

42,2%

41,6%

43,7%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

6,3%

5,0%

8,6%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

1,7%

0,8%

3,6%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

0,4%

0,3%

0,7%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

0,2%

0,2%

0,0%

Tutte

0,2%

0,1%

0,2%

Da abbastanza a tutte

8,8%

6,5%

13,1%

Tabella 12Quante di queste imprese prevedi che possano ritrovarsi in uno stato di difficoltà economica nel 2022?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

8,6%

9,8%

6,3%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

44,8%

48,0%

37,7%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

30,7%

30,1%

32,3%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

9,0%

7,2%

12,8%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

3,9%

2,6%

6,3%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

1,5%

0,9%

2,8%

Tutte

1,5%

1,3%

1,9%

Da abbastanza a tutte

46,6%

42,2%

56,0%

Tabella 13 – Tra le imprese commerciali non fallibili (sottosoglia) e agricole che assisti, esistono alcune che hanno avuto accesso ai contributi erogati dai Fondi, istituiti a livello statale e regionale, a sostegno dei sovraindebitati e a prevenzione del fenomeno dell’usura?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

77,5%

80,1%

72,7%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

15,2%

13,4%

18,5%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

4,6%

4,0%

5,3%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

1,3%

1,3%

1,4%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

0,5%

0,7%

0,0%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

0,8%

0,3%

1,6%

Tutte

0,2%

0,1%

0,5%

Da abbastanza a tutte

7,3%

6,4%

8,8%

Tabella 14 – Tra le imprese commerciali non fallibili (sottosoglia) e agricole che assisti, esistono alcune che hanno fruito del contributo elargito ai soggetti vittime di usura dal Fondo di solidarietà ex art. 14 della legge n. 108/1996?

Modalità di risposta

Italia

Centro-Nord

Sud

Nessuna

96,2%

97,5%

94,2%

Poche (1-24%: meno di una su quattro)

3,0%

2,1%

4,2%

Abbastanza (25-50%: tra un quarto e la metà)

0,4%

0,1%

0,9%

Molte (51-75%: tra la metà e i tre quarti)

0,2%

0,1%

0,5%

Moltissime (76-90%: tra i tre quarti e il 90%)

0,1%

0,0%

0,2%

Quasi tutte (91-99%: oltre il 90%)

0,1%

0,1%

0,0%

Tutte

0,1%

0,1%

0,0%

Da abbastanza a tutte

0,9%

0,5%

1,6%

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Scuola, Codacons Puglia: Rafforzare didattica distanza con facoltà famiglie

“Con la crescita dei contagi e le previsioni delle varianti Delta ed Epsilon, per la tutela degli interessi collettivi degli utenti scolastici chiediamo al ministero dell’istruzione, al provveditorato di Bari e al governatore della Puglia di provvedere al rafforzamento della Dad, la didattica a distanza, già sperimentata lo scorso anno”. Così l’associazione Codacons Puglia, in una nota, […]

Pnrr, Fp e Cgil Bat: “Nelle Pubblica Amministrazione carenza di organico, difficile gestire progetti”

C’è una battaglia più appariscente, da parte dei sindaci pugliesi e meridionali, che è certamente giusta nel rivendicare un diverso riparto delle risorse del PNRR, ce n’e è un’altra condotta da poche personalità illuminate, che riguarda gli organici degli Enti locali che non sono in grado di spendere i soldi comunque disponibili. Quasi tutte le […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: