Sophia Coworking nella rete nazionale del South Working®️

C’è anche Sophia Coworking di Bisceglie nella rete del welfare nazionale innovativo promosso dall’Associazione South Working®️, realtà nata in collaborazione con Fondazione con il Sud e composta da giovani professionisti accumunati da esperienze da fuori sede e dalla volontà di favorire di lavoro agile da dove si desidera, in particolare dalle regioni del meridione e dalla aree interne.

Dal 22 luglio è online, sul sito di South Working®️ – Lavorare dal Sud, la South Working®️ eCard, uno strumento ottenibile dai lavoratori e dalle lavoratrici mediante una donazione i cui proventi saranno destinati esclusivamente all’autofinanziamento delle attività e dei progetti di sviluppo locale e sostenibile di South Working®️.

Il network, di cui fa parte anche il coworking di Bisceglie, vuole promuovere un circuito virtuoso di welfare basato sulla possibilità di lavorare a prezzi accessibili dai luoghi della rete, dando ai south worker che riceveranno la card il diritto di ottenere fino al 20% di sconto sui servizi offerti dagli spazi fondamentali per lo scambio di idee, competenze e dialogo tra dipendenti di aziende che lavorano da remoto, liberi professionisti e comunità locali. Come ha dichiarato Mario Mirabile, co-fondatore e vicepresidente esecutivo di South Working®️, “si apre una nuova fase per un vero lavoro agile dal Sud e dalle aree interne del Paese. I lavoratori e le aziende avranno la possibilità di incrementare la loro produttività, ridurre i costi, migliorare la socialità e lo scambio di idee, evitando l’isolamento”.

Con la South Working®️ eCard l’associazione intende anche diffondere la cultura aziendale dello smart working, offrendo alle aziende e ai loro dipendenti una soluzione di welfare innovativo, sia rispetto all’ufficio tradizionale, sia al lavoro da casa, in modo da evitare il cosiddetto “effetto grotta”. Dagli spazi per il lavoro condiviso, o «presidi di comunità», i lavoratori potranno interagire e socializzare, aumentando la produttività e impegnandosi per il territorio e le comunità presso le quali decidono di andare a vivere.

Dallo scoppio della pandemia, il lavoro agile dal Sud per aziende del Centro-Nord è un fenomeno che riguarda almeno 100.000 lavoratori e lavoratrici in Italia, secondo le stime effettuate da SVIMEZ nel 2020. Una cifra in continua crescita, considerando anche gli ultimi studi effettuati dall’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano che prevede che i 5 milioni di lavoratori da remoto saranno confermati anche nel post pandemia.
Lavorare dal Sud e dalle aree interne del Paese è un’occasione di rilancio per questi territori e presenta innegabili vantaggi per le aziende e i lavoratori, che si misurano in una maggiore produttività, maggiore motivazione e un incremento della creatività derivata dall’incontro e dallo scambio di competenze con altri south worker.

La South Working®️ eCard è disponibile in formato digitale ed è scaricabile attraverso la pagina South Working®️ eCard: https://www.southworking.org/south-working-ecard Allo stesso link sono visibili gli spazi che hanno deciso di aderire al circuito di welfare per il South Working®️.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi allo staff di Sophia Coworking (via Monte San Michele 44 – Bisceglie, pagina facebook: https://www.facebook.com/sophiacoworking, cell: 347 972 1743).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Cgil Bat: le prospettive del piano del Parco naturale regionale Fiume Ofanto tra ecologia ed economia

Lo scorso giugno, è stato adottato lo Schema di Piano Territoriale del Parco Naturale Regionale Fiume Ofanto unitamente agli elaborati della VAS e agli altri strumenti di pianificazione e gestione del Parco, (D.C.P. n. 23 del 17.06.2021). Su impulso del PES BAT, la Provincia di Barletta Andria Trani, in qualità di soggetto gestore dell’Area protetta […]

Arriva l’evento “Save the planet”, della community Different_group. Anche l’associazione Muvt ha aderito

352 volontari, più di 3300 kg di rifiuti raccolti, 6 km² di spiagge, parchi e strade ripuliti: l’anno scorso sono stati questi i numeri della p rima edizione di Save the Planet, un’iniziativa sociale del progetto di divulgazione different, nata per sottolineare l’importanza della conservazione e della tutela del nostro Pianeta, per noi e per […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: