Somme green card da pagare a 4mila cittadini: la vittoria contro il Comune di “Difendiamo Bisceglie”

Ha aperto la conferenza il presidente di “Difendiamo Bisceglie” Flavio De Deudis, che ha rimarcato il ruolo del Movimento Civico a difesa dei diritti dei cittadini, denominato, in tempi non sospetti, “Difendiamo Bisceglie”, quasi prevedendo le violazioni sistematiche e continue di norme poste a presidio dei diritti dei cittadini biscegliesi da parte della “ SVOLTA”. Il presidente De Feudis ha rimarcato anche la gratuità delle azioni proposte per l’ottenimento delle somme della green card negate dal Comune ai cittadini (circa 4000 quattromila quelli in elenco) e lo spirito di volontariato e di servizio dei rappresentanti del movimento da lui presieduto.

Il Vicepresidente del movimento Dario Galantino, che ha sostenuto e promosso l’iniziativa di recupero gratuito delle somme delle green card, ha rimarcato la storia dell’istituzione della green card da parte dell’amministrazione Spina con le deliberazioni del 2013 e 2014, manifestando le sue perplessità tecniche e giuridiche sull’arbitrario taglio delle somme delle green card maturate con sacrificio dai cittadini per sostenere il livello della differenziata nella città, oggetto di censura da parte dell’autorità giudiziaria con la sentenza in questione. Taglio peraltro effettuato con una illegale compensazione parziale tra il tributo della tari e il contributo della green card (operazione inammissibile nella p.a.). Ha comunicato inoltre che le iniziative giudiziarie continueranno fino a quando l’amministrazione comunale non provvederà al pagamento fino all’ultimo centesimo delle somme maturate a norma di regolamento dai cittadini.

Infine, ha concluso la conferenza stampa Francesco Spina, che da consigliere comunale e sindaco che ha istituito la green card ha ricordato il sacrificio di quei cittadini che hanno portato per anni i rifiuti differenziati all’isola ecologica sulla base di norme e tariffe stabilite dal Comune, salvo poi vedersi respingere le richieste di pagamento solo perché il nuovo sindaco Angarano ha tolto dal bilancio le somme destinate al pagamento delle stesse green card. Un vero e proprio abuso e atto illegittimo, che l’autorità giudiziaria ha censurato condannando il Comune di Bisceglie al pagamento delle green card interamente maturate e al rimborso delle spese giudiziarie. Spina ha ricordato come questa grande vittoria di civiltà e di democrazia ricordi, in perfetta continuità, le battaglie giudiziarie da lui condotte anni fa, che hanno consentito ai cittadini biscegliesi di non pagare più gli odiosi contributi di bonifica e alcune somme Ici non dovute. Inoltre, Spina ha ricordato come abbia chiesto lui stesso, con grande garbo istituzionale, ad Angarano e c. , con atti ed emendamenti proposti in consiglio comunale, di inserire in bilancio le somme per il rimborso delle green card maturate nel 2017 e 2018, ma abbia visto respingere e deridere quegli emendamenti, che oggi sono stati di fatto realizzati coattivamente dall’autorità giudiziaria (ormai, sono innumerevoli le censure di anac, corte dei conti e autorità giudiziarie rispetto all’illegalità diffusa dell’amministrazione Angarano).

Spina, inoltre, ha manifestato la sua gioia per l’adesione in massa dei cittadini alle iniziative civiche e per la formazione di una rinnovata e competente classe dirigente che governerà la città di Bisceglie nei prossimi anni. Forte è’ la sensazione che i cittadini siano stanchi della politica delle chiacchiere e dell’arroganza e preferiscano a questa la politica dell’umiltà e dei fatti concreti, come questa storica sentenza che ripristina un diritto dei cittadini creato dall’amministrazione Spina, ma calpestato dalla “svolta”. Il rispetto delle istituzioni si ottiene garantendo, soprattutto, istituzioni sensibili alle istanze dei cittadini e che non siano (s)voltagabbane rispetto agli impegni assunti con atti formali verso la comunità” ha concluso Spina

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Amendolagine tra i firmatari 5Stelle de “Non ci si può fidare dei partiti?”

ecentemente, il quotidiano Repubblica ha riportato che il Presidente della Regione Puglia Emiliano,  durante un incontro pubblico, ha inteso “confermare ancora una volta che non ci si può fidare dei partiti, che avevano approvato all’unanimità la reintroduzione di quella indennità in consiglio regionale” (si riferiva alle diverse decine di migliaia di euro che i consiglieri […]

M5S e Fdi, nei pronto soccorso grave carenza medici. Anche nell’Ospedale di Bisceglie

I pronto soccorso pugliesi rischiano “di restare senza medici” e già dal mese di novembre ne potrebbero perdere circa 200. E’ quanto sostengono, in due comunicati diversi, la capogruppo del M5S in Consiglio regionale della Puglia, Grazia Di Bari, e il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Francesco Ventola. Di Bari ha depositato un’interrogazione urgente rivolta […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: