Pnrr, preoccupazione della Fp e Cgil Bat: “Serve organico nei Comuni”

C’è un rischio concreto che i Comuni non siano in grado di costruire progetti per partecipare ai bandi che i singoli ministeri stanno già avviando e che stanno per essere pubblicati. Considerando che i primi 25 miliardi devono essere impegnati entro il 2021. È corsa contro il tempo, dunque, ma anche contro la mancanza di risorse umane”. A lanciare l’allarme è il segretario generale della Cgil Bat, Biagio D’Alberto, insieme alla categoria della Funzione pubblica rappresentata nella Bat dalla segretaria generale Ileana Remini, all’indomani della richiesta di rispettare il 40% delle risorse del Pnrr, il piano nazionale di ripartenza post Covid, avanzata dalle Regioni e dai Sindaci del Mezzogiorno.

La condizione degli organici dei Comuni del Sud, nella gran parte dei casi, è poco attrezzata a governare i cospicui flussi finanziari che stanno arrivando. E la Bat, purtroppo non fa eccezione. Anche perché alcuni Comuni vivono condizioni di crisi finanziaria che impediscono le assunzioni di nuovo personale e acuiscono assenze importanti proprio negli uffici strategici di governo. Servirebbe, invece, un esercito di tecnici per attrezzare gli uffici a predisporre progetti che consentano alle pubbliche amministrazioni di partecipare alle gare ed alla gestione degli appalti. In giro non si percepisce questa consapevolezza. Lodevole è l’iniziativa del ministro Giovannini nell’attivazione del progetto formativo denominato ‘Pnrr Academy’ per formare i tecnici che nelle stazioni appaltanti dovranno applicare le nuove procedure previste dal Piano. Il problema è che qui sono proprio i tecnici che mancano. Poca cosa anche la disponibilità dei 200 tecnici che il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, mette a disposizione per un’opera di consulenza e monitoraggio rispetto all’adesione ai bandi. Il problema dei Comuni del Mezzogiorno, e della Bat, è preoccupante. I tempi sono limitatissimi e a nostro avviso impongono una soluzione straordinaria: se si vuole che anche i Comuni di questo territorio possano beneficiare delle opportunità finanziare che l’Europa ci mette a disposizione. Altrimenti ci vedremmo passare davanti un treno che difficilmente tornerà. Un’occasione che davvero non possiamo permetterci di perdere”, concludono D’Alberto e Remini.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Cerimonia del passaggio delle consegne per la sezione di Bisceglie della Fidapa BPW Italy

Si terrà giovedì 21 ottobre alle ore 19.00 presso il Circolo Unione di Bisceglie in vis Aldo Moro, 38 la cerimonia del passaggio delle consegne della Fidapa BPW Italy – Sezione di Bisceglie. Il tema scelto per il biennio 2021/2023 #noiprotagonistedelfuturo significa, come è stato ribadito durante l’ assemblea nazionale, far prevalere la volontà di […]

Ricordo di Fréi Josè Preziosa, missionario biscegliese della Congregazione dei Missionari del Sacro Cuore

L’Associazione Oratoriani e la Parrocchia “San Vincenzo de’ Paoli” di Bisceglie, in occasione della Settimana Missionaria, hanno organizzato un incontro per ricordare la figura di Frèi José Preziosa che ha svolto il suo impegno missionario a Pinheiro, nello Stato di Maranhao in Brasile. La sua instancabile attività missionaria lo portò a fondare la prima scuola […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: