Voragine sulla strada, Di Pinto (Bisceglie Unita): «A volte Spina farebbe bene a tacere»

Relativamente alla vicenda di cronaca circa la voragine aperta sull’asfalto con danni provocati ad un’auto e ai suoi occupanti (LEGGI QUI), alla nota diffusa in mattinata sulla questione dal consigliere comunale Francesco Spina (LEGGI QUI), interviene nel dibattito anche Tommaso Di Pinto, Presidente del Movimento Civico Bisceglie Unita:

In queste settimane i maggiori giornali nazionali ed internazionali, circa la situazione a Kabul riportano questi titoli:

– 20 civili uccisi dai talebani (BBC);

– Chiude l’ultima scuola guida per donne a Kabul (Repubblica);

– Attentato a Kabul: 12 morti, 32 feriti (Il Messaggero);

– Attacco ad una moschea di Kabul, 5 i morti (Rai News);

– Sfollati a Kabul: 1000 famiglie senza soldi e lavoro (Repubblica).

A Bisceglie il re (senza corona) della demagogia, Francesco Spina, partorisce una sua massima:

“Kabul è più sicura di Bisceglie”.

Posto che un’auto caduta dentro una voragine è un fatto gravissimo, non voglio entrare nel merito della questione amministrativa,piuttosto vorrei soffermarmi sul fatto che quest’uomo, perennemente in campagna elettorale, sia stato capace di speculare su un paese in guerra, su migliaia di morti, su migliaia di bambini rimasti senza un tetto sulla testa.

Gravissima mancanza di rispetto nei confronti di un popolo ormai sottomesso, sottratto alla propria autodeterminazione, e aggiungo, parallelismo davvero becero quello fra Kabul e Bisceglie, invito Francesco Spina a fare un viaggio nelle terre di Kabul, fare un reportage, in modo da educare e informare se stesso, e la comunità tutta sulla terribile situazione di quei territori, e magari, chissà, sviluppare una coscienza critica e politica, che dopo una carriera lunga come la sua, ancora è assente.

Spina, in attesa (o nella speranza) che faccia Mea Culpa pubblicamente, lascio qui un pezzo di un brano che mi piace molto; che possa esserle di ausilio per futuri momenti.

“Per dire la tua per fortuna non servono documenti, ma almeno è il caso che ti documenti.

Perché dire la tua non è un dovere, è un diritto e alle volte dovrebbe essere un dovere star zitto.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Elezioni, “Viviamo Bisceglie”: alcuni ex di Casella appoggeranno Spina

«Dopo tre anni è ora di tirare le somme e prendere le dovute decisioni, per il bene del nostro gruppo, di chi ha creduto in noi e per le sorti della cosa a cui ci teniamo di più: la nostra città». Esordisce così una nota del movimento politico “Viviamo Bisceglie”, a firma del Presidente Massimo […]

Fratelli d’Italia: con Angarano una città completamente allo sbando

«Una macchina burocratica che, quando non è del tutto ferma, procede a velocità fortemente ridotta. Una “gestione” delle manutenzioni ordinarie ingiudicabile, semplicemente perché di interventi manutentivi non c’è alcuna traccia. Una “visione” del concetto di erogazione dei servizi impalpabile, considerato che alcuni servizi essenziali al cittadino non sono forniti con regolarità, dalla mensa al trasporto […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: