Carabiniere di Bisceglie prendeva soldi per pilotare indagini sui clan, chiesta condanna

La Procura di Bari ha chiesto quattro condanne a pene comprese tra i 14 e i 6 anni di reclusione nei confronti di altrettanti imputati, tra i quali un carabiniere che all’epoca dei fatti contestati era in servizio a Giovinazzo.

Secondo l’indagine dei colleghi militari dell’Arma, coordinata dai pm della Dda di Bari Federico Perrone Capano e Domenico Minardi, i due carabinieri Antonio Salerno e Domenico La Forgia, per anni avrebbero ricevuto denaro, 400mila euro in totale, e regali per pilotare, ritardare o rivelare particolari di indagini sul clan mafioso Di Cosola, fornendo in alcune occasioni copia di verbali dei collaboratori di giustizia. Gli imputati rispondono, a vario titolo, di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari e rivelazione del segreto d’ufficio con l’aggravante mafiosa.

I fatti contestati risalgono agli anni 2012-2018. L’inchiesta nel giugno 2020 portò all’arresto dei due carabinieri, del pasticciere Gerardo Giotti e di un pregiudicato affiliato al clan, Mario Del Vecchio, tutti tuttora detenuti, i primi tre agli arresti domiciliari mentre Del Vecchio in carcere. Per Salerno la Dda ha chiesto la condanna a 10 anni di reclusione; per il pregiudicato, ritenuto referente del clan nella cittadina del nord Barese, è stata chiesta la condanna a 14 anni di reclusione; per Giotti, accusato di aver fatto da tramite tra i pregiudicati e i militari, è stata chiesta la condanna a 9 anni di reclusione.

Imputato anche un collaboratore di giustizia, Michele Giangaspero, che rischia una condanna a 6 anni. Il processo si celebra con il rito abbreviato dinanzi alla gup del Tribunale di BARI Antonella Cafagna. Si tornerà in aula per le arringhe il 19 ottobre e il 12 novembre. L’altro carabiniere coinvolto è a processo separatamente dinanzi al Tribunale ordinario.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inchiesta sui “furbetti” dei vaccini: il PM di Bari chiede l’archiviazione per Nicola Canonico

La Procura di Bari ha chiesto l’archiviazione per 48 persone, i cosiddetti “furbetti” dei vaccini Covid. Tra gli indagati per i quali dagli accertamenti dei pm baresi è emersa “l’infondatezza” delle accuse ci sono gli imprenditori baresi Domenico e Luigi De Bartolomeo, il primo ex presidente di Confindustria Puglia, e Nicola Canonico. Ci sono poi […]

Covid. In Puglia 127 nuovi positivi e tre decessi

Lo 0,54% dei 23.197 test processati nelle ultime ore in Puglia per accertare l’infezione da coronavirus ha dato esito positivo. Si tratta di 127 nuovi casi di contagio di cui la gran parte rilevati in provincia di Taranto in cui si contano 35 malati covid in più rispetto a ieri. Seguono per numero di nuovi […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: