Orchestra Filarmonica Pugliese, Al teatro Impero di Brindisi uno spettacolo sulla pandemia

Esorcizzare le paure e le fragilità derivanti dal periodo storico che specie i più giovani stanno vivendo, attraverso due strumenti di comunicazione potentissimi: la musica e la fiaba. È questo il nuovo ambizioso progetto firmato Associazione Auditorium, in
collaborazione con le associazioni Ridon-dance e La Bautta.

Voci dietro la maschera – La fiaba musicale all’epoca della pandemia
questo il titolo dello spettacolo, prevede l’esecuzione di due fiabe musicali per orchestra e voce recitante, scritte dai compositori pugliesi Mariano Paternoster e Mario Rucci.

Lo spettacolo, che è inserito nella “Programmazione Puglia Sounds Live 2020/2021 – REGIONE PUGLIA FSC 2014/2020
Patto per la Puglia – Investiamo nel vostro futuro”, sarà in scena in un doppio appuntamento mattutino sabato 16 e domenica 17 ottobre presso il teatro Impero di Brindisi.

A eseguire la performance l’Orchestra Filarmonica Pugliese, diretta dal M° Vito Paternoster. Assieme ai musicisti, sul palco si alterneranno anche le voci recitanti: l’attrice, insegnante e produttrice teatrale Mariapia Autorino, grazie al suo racconto, condurrà gli spettatori nel mondo della fiaba e della fantasia e, assieme a lei, nella giornata di domenica sarà sul palco anche la co-narratrice Tiziana Gerbino.

Come sia nata l’idea di unire e mischiare i due tipi di linguaggio sono gli stessi autori a spiegarlo: “Le opere musicali, con interventi della voce recitante, dal carattere leggero e raffinato, sono state composte durante il lockdown per raccontare l’attualità, sia sociale che sanitaria legata al mondo dei giovanissimi. Attraverso la musica, condividono il tema della maschera, oggetto che pur proteggendo l’uomo dalla sua stessa fragilità ne attutisce la voce”.

“Pangui e la maschera di Leone” di Paternoster è un racconto a metà tra mito e storia reale, ispirato a una fiaba argentina che affronta il tema della timidezza e dell’amore in un contesto di guerra e colonialismo.  “Batracomiofavola” di Rucci è ispirata all’omonimo di Leopardi e al tema della Natura e della resistenza umana.

Due opere, quindi, ispirate e dedicate al mondo dell’infanzia per uno spettacolo, tuttavia, adatto a un pubblico di grandi e piccini dal momento che, come spiegano ancora i compositori: “il periodo della pandemia ha inevitabilmente segnato tutti”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Giovedì 2 dicembre La via del the con Veronica Sinigaglia e Nico Acquaviva

Giovedì 2 dicembre alle ore 18.00 presso Bon Ton il festival Mediterraneo ospita il concerto la via del the con Veronica Sinigaglia canto e Nico Acquaviva chitarra (ingresso libero informazioni 371 1189956 e sistemagaribaldi@gmail.com). Sarebbe stato difficile ignorare in una ricognizione mediterranea il repertorio classico napoletano che Veronica Sinigaglia ci restituisce con Nico Acquaviva. La dimensione e la collocazione temporale, ci […]

“Dialoghi in Jazz”, al Politeama i “Cercle Magique”

Cercle Magique Trio nasce dall’incontro di tre personalità musicali molto diverse fra loro, ma straordinariamente combinate in un dialogo a voce sommessa: Nando di Modugno, chitarra (acustica ed elettrica), Viz Maurogiovanni, basso elettrico, Gianlivio Liberti, batteria e percussioni. Un viaggio tra il mistico e l’esoterico, che conosce la sensualità della terra e del fuoco e il battesimo dell’acqua. […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: