Tentato omicidio fuori discoteca, Sindaco Angarano: «Auspico che le Forze dell’Ordine trovino i colpevoli»

«Quello che è successo la scorsa notte, con l’accoltellamento di un ragazzo in un locale della nostra Città, è di una gravità inaudita per l’accaduto in sé e perché capita a pochissimi giorni dall’omicidio di Claudio Lasala.
Tutta questa violenza è assurda ed inaccettabile.
È inammissibile che anziché andare in un locale per divertirsi e stare insieme si rischi di incorrere in risse, scontri o sopraffazione violenta. Siamo di fronte ad un problema sociale molto complesso, serio e diffuso che dobbiamo arginare a tutti i livelli con ulteriore intensità: istituzioni, famiglie, scuola, associazioni, più di quanto si stia già facendo.
Il Covid ha aumentato il disagio sociale e le fragilità.
Stiamo vivendo un momento particolarmente delicato che richiede ulteriori sforzi per stare accanto ai nostri giovani sin dalla tenera età, combattere l’emarginazione sociale, l’isolamento, il disagio minorile, prevenendo devianze.
Ho sentito il Prefetto della Bat Maurizio Valiante, il quale ha già dato disponibilità ad un incontro per valutare e coordinare ulteriori misure da mettere in campo.
Auguro al giovane ferito una pronta guarigione e auspico che le forze dell’ordine possano fare piena luce sull’accaduto per individuare i responsabili».
Lo scrive il Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano in una nota.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Morte Alessia Ferrante. Legali medico accusato di omicidio: «Faceva uso di droga e alcol». La famiglia: «Le perizie dicono “eccesso di anestetico”»

Da una raccolta di dichiarazioni rilasciare da accusa e difesa a “Quinto Potere” e “Il Fatto Quotidiano”, nell’ambito del processo a carico del medico Reho che dovrà difendersi dall’accusa di “omicidio colposo”, emergono due versioni opposte che spostano le lancette delle responsabilità del decesso sul medico chirurgo plastico o sulla influencer biscegliese Alessia Ferrante. “Gli […]

Riciclaggio in azienda ortofrutticola, 17 indagati. Biscegliese 54enne agli arresti domiciliari

C’è anche un biscegliese di 54 anni, da anni residente a Trezzano sul Naviglio, in provincia di Milano, tra le 17 persone finite nei guai nell’inchiesta della Procura di Potenza per associazione a delinquere, peculato, riciclaggio e autoriciclaggio, reati commessi nella provincia di Matera (a Policoro e Scanzano Jonico) ma anche in altri territori italiani, in […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: