“Natale in casa Arzilla”: l’augurio di buone feste dell’Anteas

Con lo spettacolo “Natale in casa Arzilla” l’ Anteas Bisceglie, sabato 18 dicembre, presso l’auditorium della chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, ha voluto augurare buone feste ad associati e famiglie.
Da anni impegnati, tra le altre attività di solidarietà, nell’animazione canora presso le strutture ospedaliere e per anziani, i soci Anteas hanno deciso di trarre da queste esperienze l’ispirazione per una commedia a sfondo natalizio, ambientata in una casa di risposo per artisti. Ricordi di un passato glorioso e la rievocazione delle tradizioni del Natale di un tempo, soprattutto culinarie, fanno da trama a uno spettacolo amatoriale frutto della creatività della presidente Anna Colella e delle socie, che hanno rielaborato personali esperienze rendendole universali. Il tempo della storia è la notte di Natale; in scena i personaggi si muovono intenti negli ultimi preparativi in attesa della nascita del Bambin Gesù e dell’arrivo dei doni. Infermieri e medico della casa di riposo, tra la somministrazione di una terapia e l’altra, partecipano ai racconti degli artisti che a turno narrano le loro antiche gesta in giro per l’Italia e per il mondo, a volte sortendo la parodia dei compagni, altre la loro meraviglia, sempre le risate e la partecipazione del pubblico.
Non solo recitazione. Hanno intervallato le scene i canti a tema, coerentemente legati alla narrazione. Così i protagonisti, insieme al coro “Laura Colangelo”, diretti dal maestro e soprano Marzia Pedone, hanno arricchito in musica lo spettacolo.
Infine le luci si spegnono e arriva Babbo Natale. Dal pubblico si leva un saluto: “ciao, nonna”. Abituati a vedere sul palco i più piccoli che attirano l’attenzione dei più grandi pronti ad applaudirli, questa scena appare come la conclusione più dolce, non scritturata.
“Non è stato facile tornare a vederci in presenza e mettere su questo piccolo e modesto spettacolo – ha sottolineato la presidente Colella – ma siamo contenti di avercela fatta. Lo vogliamo dedicare alla nostra cara professoressa Luisa Rana-fondatrice e animatrice del coro Anteas e ideatrice dell’impegno di solidarietà nelle strutture di cura-che ci ha prematuramente lasciati quest’anno”.
Presenti tra il pubblico anche la presidente fondatrice del gruppo di Bisceglie, professoressa Maria Luisa Di Bari, e la presidente dell’Anteas della città di Bari, Carmela Piccolo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Il 22 gennaio in scena al Politeama “Un tram che si chiama desiderio” con Mariangela D’Abbraccio e Daniele Pecci

Sabato 22 gennaio al Politeama Italia di Bisceglie andrà in scena lo spettacolo “Un tram che si chiama desiderio” con Mariangela D’Abbraccio e Daniele Pecci, di Tennessee Williams per la regia di Pier Luigi Pizzi. L’evento segna l’apertura della stagione di prosa 2022, organizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.   SCHEDA SPETTACOLO Gitiesse Artisti […]

ArteVives, rinviato il concerto “Canzoni di un lungo viaggio” previsto per il 16 gennaio

A seguito di un’attenta valutazione sulla recrudescenza dell’emergenza pandemica, l’associazione di promozione sociale ArteVives presieduta da Mario Sergio Zecchillo ha deciso di rinviare a data da stabilirsi il concerto dal titolo “Canzoni di un lungo viaggio” (con il mezzosoprano Margherita Rotondi ed il pianista Vincenzo Cicchelli) previsto domenica 16 gennaio a Palazzo Vives Frisari. L’intero […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: