Mezzi rifiuti urbani, riconsegnate le chiavi rubate: il cerchio si stringe sull’autore del furto

Il cerchio si stringe attorno all’autore del furto delle chiavi dei mezzi di Green Link avvenuto nella notte tra il 31 dicembre ed il 1 gennaio, in coincidenza con l’avvio del servizio da parte del nuovo gestore dell’igiene pubblica a Bisceglie.

L’uomo, immortalato dalle riprese delle videocamere di sorveglianza, potrebbe essere identificato a breve dagli inquirenti. Messo alle strette, sentendosi braccato, domenica mattina ha recapitato tutte le chiavi rubate ad un fruttivendolo che ha immediatamente allertato i carabinieri. Le chiavi sono state quindi riconsegnate ai nuovi gestori del servizio di igiene urbana, che hanno potuto anticipare così il ritorno a regime del servizio, senza attendere la mattinata di lunedì quando è previsto l’arrivo delle nuove chiavi inviate dall’azienda costruttrice dei mezzi.

Ma la vicenda non si chiuderà così banalmente. Le indagini procedono serrate per rintracciare il responsabile di questa vicenda che con ogni probabilità dovrà rispondere, oltre che di furto, anche di atti per interrompere un pubblico servizio.

L’azienda, dal canto suo, procede regolarmente nel subentro nella gestione del servizio che punta a tornare all’eccellenza, garantendo la pulizia della città e standard di raccolta differenziata all’altezza di Bisceglie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

In Puglia cambiano le regole sulle registrazioni dei casi positivi Covid

“Con le nuove regole sulla gestione dei casi confermati covid introdotte dal Governo nazionale, i test antigenici rapidi effettuati in farmacia o nei laboratori privati della rete regionale SARS-CoV-2 e registrati sul sistema informativo regionale sono stati resi equivalenti ai tamponi molecolari, senza necessità di conferma ai fini della sorveglianza e della gestione dei casi […]

Arresti per droga: tutti i nomi degli arrestati. Biglietti da visita ai clienti per contattare i pusher

Gli spacciatori di Palo del Colle, nel Barese, avevano preparato bigliettini da visita con la dicitura di una inesistente attività commerciale e un numero di telefono, che consegnavano ai clienti tossicodipendenti. I carabinieri ne hanno trovati 126 all’interno della sede dell’associazione “Beneficienza per Palo”, nel centro storico della città, dove secondo gli investigatori il gruppo […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: