PNRR, Di Leo «Per il verde pubblico è un’occasione da non perdere»

«Il 2022 può esser l’anno di ripartenza per la nostra città, dopo 4 anni di blocco amministrativo generato dal progetto politico denominato “La Svolta”: l’unione delle compagini di sinistra e destra, talvolta estreme, ha indotto la nascita di un percorso privo di ideologie comuni e pieno, al tempo stesso, di ostacoli causati da inadempienze e eccessive divergenze politiche. Bisceglie ha perso molto terreno nei confronti delle città limitrofe, sempre pronte ad attingere risorse dai finanziamenti pubblici per migliorare gli arredi, i servizi e la vivibilità>>. Inizia così Marco Di Leo, ex Consigliere Comunale.

<<Come può ripartire Bisceglie? Di sicuro investendo sul PNRR, attraverso un ufficio di progettazione dedicato, ad oggi assente, e che coinvolga giovani professionisti locali, in possesso di idee, competenze e visioni futuristiche.

Nella sezione “bandi e avvisi” del sito di Italia Domani, quasi ogni giorno vengono pubblicati bandi di finanziamento: il continuo immobilismo dell’amministrazione Angarano mi lascia perplesso. Non a caso, vorrei offrire un mio personale contributo.

Ad oggi, per esempio, è presente un avviso dedicato a parchi e giardini storici: esso è finalizzato alla rigenerazione e riqualificazione di parchi e dei giardini italiani di interesse culturale, al rafforzamento dell’identità dei luoghi, del miglioramento della qualità paesaggistica, della qualità della vita e del benessere psicofisico dei cittadini e alla creazione di nuovi poli e modalità di fruizione culturale e turistica (PNRR M1C3 INVESTIMENTO 2.3).

Nella nostra città ci sono ben due parchi che potrebbero godere di tale attenzione per importanza, varietà delle specie vegetali presenti e potenzialità: mi sto riferendo al Giardino Botanico Veneziani e ad Orto Schinosa.

Sarebbe opportuno riuscire a coinvolgere la popolazione e, soprattutto, le associazioni di categoria, creando una vera e propria cabina di regia per lo sviluppo degli eventuali progetti di riqualificazione. Non ho intenzione di intervenire sull’indirizzo politico, compito esclusivo di chi amministra: tuttavia, auspico che questa volta l’amministrazione voglia quantomeno accogliere la nostra proposta. Ad oggi tutti i nostri suggerimenti sono rimasti inascoltati: molti concittadini attendono, ormai da anni, quelle risposte che una sana amministrazione politica dovrebbe garantire alla collettività e non solo, costantemente, ad una parte di quest’ultima». Scrive Di Leo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Cultura a Bisceglie, Fata: «La situazione è diventata insostenibile»

«L’eccessivo prolungamento dei lavori al Teatro Garibaldi, consegnati già con grave ritardo nel 2019, è l’unico spettacolo al quale non avremmo desiderato assistere. Siamo costretti, purtroppo, a prendere atto della mancata conclusione degli interventi di riqualificazione della struttura a dispetto delle garanzie fornite dal Sindaco ed è diventato persino superfluo sottolineare come, anche in questo […]

Il Sindaco “chiude” il “Sistema Garibaldi”, la consigliera Di Gregorio si dichiara “indipendente”

«Apprendo dell’ennesima decisione di notevole importanza politica della giunta di Angelantonio Angarano non condivisa in alcuna riunione di maggioranza. La “defenestrazione “ del sistema Garibaldi che da otto anni veniva diretto da Carlo Bruni rappresenta una scelta che stravolge completamente l’assetto culturale di Bisceglie, senza una preventiva discussione con i gruppi consiliari e con le […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: